martedì, 25 Giugno, 2024
Esteri

Sequestrata la First Republic Bank e venduta a JPMorgan. È il terzo grande fallimento bancario di quest’anno

La First Republic Bank è stata rilevata dalle autorità di regolamentazione federale e sarà venduta a JPMorgan, diventando così la terza grande banca a fallire in meno di due mesi. La Federal Deposit Insurance Corp. ha annunciato il sequestro e che JPMorgan Chase, la più grande banca d’America, avrebbe acquistato sostanzialmente tutti i beni e i depositi dell’istituto. Un portavoce del Dipartimento del Tesoro ha cercato di rassicurare i mercati e il popolo. la First Republic, con 229,1 miliardi di dollari di attività totali al momento della chiusura, ha eclissato la Silicon Valley Bank (209 miliardi di dollari al momento della chiusura) diventando la seconda più grande banca fallita nella storia americana. “Il sistema bancario rimane solido e resiliente – hanno affermato i responsabili del Dipartimento – Gli americani dovrebbero sentirsi sicuri dei loro depositi e della capacità del sistema bancario di svolgere la sua funzione essenziale di fornire credito alle imprese e alle famiglie”. L’intervento arriva pochi giorni dopo che First Republic aveva riferito di aver perso circa il 40% dei suoi depositi nel primo trimestre di quest’anno. Tra l’aumento dei tassi di interesse e dopo i fallimenti della Silicon Valley Bank e della Signature Bank all’inizio di quest’anno, una coorte crescente di depositanti ha cercato di spostare i propri soldi in banche ritenute più sicure e che offrivano rendimenti più interessanti. Tra le banche di medie dimensioni, First Republic è stata la più colpita dalla tendenza: a metà marzo, circa il 70% dei suoi depositi non era assicurato, secondo Bank of America, il che significa che erano superiori al limite garantito di $ 250.000 della FDIC. Ciò si confronta con una mediana del 55% di depositi non assicurati per le banche di medie dimensioni e il terzo livello più alto dopo SVB e Signature Bank. Nonostante un’infusione di 30 miliardi di dollari da 11 banche, a metà marzo, First Republic non è riuscita a fermare l’emorragia e le sue azioni sono diminuite di oltre il 75% negli ultimi 30 giorni. L’entità delle perdite sui depositi dell’istituto di credito con sede a San Francisco rappresenta un valore anomalo rispetto ad altre banche regionali , che hanno registrato un calo medio dei depositi di circa il 5% quest’anno, secondo Goldman Sachs Economic Research. Tuttavia, la rapida fuga di depositi dalla First Republic aveva “creato molta ansia in tutto il settore”, ha affermato Tim Coffey, amministratore delegato di Janney Montgomery Scott, un gruppo di servizi finanziari.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Intesa e Sirmax Group, insieme per obiettivi ESG: Environmental, Social e Governance

Redazione

Droni armati e navi della marina americana assistono all’evacuazione di cittadini americani dal Sudan devastato dalla guerra

Paolo Fruncillo

Moretta (Commercialisti): “460mila imprese a rischio fallimento”

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.