lunedì, 17 Giugno, 2024
Regioni

Autismo: in Liguria 2,5mln per progetti di socializzazione

Mettere a punto, in collaborazione con enti ed associazioni del terzo settore, percorsi di co-progettazione per la promozione della socializzazione indirizzate a persone con disturbi dello spettro autistico. È questo l’obiettivo della regione Liguria che ha stanziato per questa iniziativa 2 milioni e 550mila euro. I fondi sono stati messi a disposizione per due annualità dal ministero per la Disabilità, dal ministero dell’Economia e dal ministero del Lavoro. Per raccogliere le adesioni degli enti che vorranno aderire all’iniziativa, nelle prossime settimane sarà pubblicato sul sito istituzionale di regione Liguria (sezione “Bandi e Avvisi”) un avviso pubblico di interesse, corredato da tutti i dettagli e i requisiti per partecipare.

“Vogliamo dare un’opportunità a questi ragazzi e alle loro famiglie, in modo da creare percorsi di inclusione che siamo efficaci. Per realizzare questo obiettivo stiamo lavorando in sinergia con gli enti del Terzo Settore per promuovere il benessere e migliorare la qualità della vita, con modalità adeguate alle esigenze dei singoli beneficiari. Si tratta di misure particolarmente importanti perché si inseriscono nella complessa fase del passaggio dall’adolescenza all’età adulta, molto delicata e a maggior rischio di esclusione sociale”, spiega l’assessore regionale alle Politiche sociali e Terzo settore Giacomo Raul Giampedrone.

Due le linee d’intervento previste dalla misura: la prima prevede la promozione di percorsi di assistenza alla socializzazione dedicati ai minori e ai giovani fino ai 21 anni, con affiancamento di figure educative professionali in contesto laboratoriale, finalizzati a contrastare l’isolamento sociale e favorire l’integrazione, la seconda mira a creare percorsi sperimentali di accompagnamento ed educazione all’abitare, per permettere ai soggetti interessati di acquisire competenze adeguate per vivere in modo indipendente, dalla cura della casa fino alla gestione delle spese quotidiane. L’individuazione delle linee di intervento finanziate è stata condivisa con soggetti pubblici e privati coinvolti nel sociale, come la Consulta dell’Handicap, in sinergia con soggetti come Alisa, i distretti sociali e sanitari.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Imprenditoria femminile contro la violenza. Biolatto (Confartigianato): impresa donna come presidio sociale

Leonzia Gaina

Calderone: il lavoro prima del sussidio. Puntiamo su formazione e semplificazione

Maurizio Piccinino

Biden a Tulsa, bel gesto e integrazione

Cristina Calzecchi Onesti

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.