domenica, 21 Aprile, 2024
Lavoro

Benessere organizzativo per la salute di chi lavora

La “Carta di Urbino” per il Benessere Organizzativo è stata presentata in anteprima il 2 marzo scorso al direttore dell’ Agenzia d’Informazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro, EU-Osha presso la sede di Bilbao, in Spagna dal Presidente Inail Franco Bettoni. Si tratta di un documento articolato in dieci punti aperto all’attenzione delle istituzioni e dei cittadini europei  in cui si enfatizzano i valori cui si ispira la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.

Ad annunciarlo è stato Paolo Pascucci, docente ordinario di Diritto del Lavoro al Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Urbino.

“Nel maggio 2022, l’Osservatorio “Olympus” dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e la Fondazione Nazionale Rubes Triva, organismo paritetico del settore dell’igiene ambientale, hanno organizzato ad Urbino, nella Sala del Trono di Palazzo Ducale, la prima edizione del Festival Internazionale della Salute e della Sicurezza sul lavoro dedicato alla “Prevenzione partecipata”, ha detto il prof. Pascucci.

La seconda edizione del Festival si svolgerà dal 21 al 23 giugno 2023, nella stessa sede, e sarà dedicata proprio al “Benessere organizzativo”.

Oltre a costituire un momento di approfondimento e di confronto a livello accademico, istituzionale e delle parti sociali, Il Festival si propone di essere anche una manifestazione a partecipazione popolare, un evento culturale che coinvolga tutti i cittadini, mirando alla costruzione di una cultura condivisa e partecipata. Infatti, se è vero che la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro si inscrive in ambiti disciplinari ben definiti, è tuttavia evidente, ha aggiunto Pascucci,  la necessità di uscire dal perimetro tecnico degli addetti ai lavori, consentendo ad ogni cittadino di confrontarsi sul tema, riportando l’attenzione anche dell’opinione pubblica sulla centralità della persona che lavora e sulla tutela della sua dignità.”

Lo attesta, d’altronde, il Decreto legislativo 81/2008 che, in linea con l’accordo europeo del 2004, lo contempla nei suoi articoli. Il “benessere psicofisico negli ambienti di lavoro” o “benessere organizzativo” è ritenuto un aspetto decisivo non solo per la qualità della produzione aziendale ma anche per la realizzazione di un clima volto a prevenire disagio nei rapporti relazionali e sulla salute dei lavoratori. In esso vengono inclusi , come rischi lavorativi i “rischi psicosociali” cioè tutti quei fattori che riguardano, oltre agli aspetti di progettazione del lavoro e organizzativi, anche i contesti ambientali, sociali e relazionali che potenzialmente possono arrecare danni fisici e/o psicologici.

Il Benessere organizzativo, secondo noi,  riassume in sé anche il tema della prevenzione come modalità più adeguata a realizzarlo. L’assenza di Benessere Organizzativo può comportare, ad esempio, lo stress da lavoro correlato come conseguenza più probabile a cui può andare incontro il lavoratore

Vengono  rilanciati, in questo modo, due provvedimenti, il primo di oltre 19 anni fa da parte del Ministero della Funzione Pubblica, il secondo dopo appena due anni.

Si tratta della Direttiva, ad oggi non revocata,  dell’allora  ministro della Funzione Pubblica, Luigi Mazzella, sulle misure finalizzate al miglioramento del benessere organizzativo nelle pubbliche amministrazioni, pubblicata il 24 marzo 2004 ed il successivo documento del 2006, del Ministero delle Riforme e Innovazioni nella Pubblica Amministrazione dove è stato evidenziato l’attenzione delle amministrazioni sulla qualità e il miglioramento continuo, indicando  il ricorso all’autovalutazione della prestazione organizzativa quale punto di partenza obbligato dei percorsi di miglioramento continuo. È stata altresì delineata nella medesima direttiva, una prospettiva chiara di sviluppo della politica per la qualità nelle pubbliche amministrazioni da parte del Dipartimento della Funzione pubblica che, valorizzando le esperienze esistenti e gli sforzi già effettuati, indichi percorsi puntuali e traguardi di sistema condivisi.

Per rendersi conto dell’attualità dei provvedimenti e delle potenziali soluzioni, è interessante riportare una parte della premessa della direttiva del 2004: “Il Dipartimento della Funzione Pubblica intende sostenere la capacità delle amministrazioni pubbliche di attivarsi, oltre che per raggiungere obbiettivi di efficacia e di produttività, anche per realizzare e mantenere il benessere fisico e psicologico delle persone, attraverso la costruzione di ambienti e relazioni di lavoro che contribuiscano al miglioramento della qualità della vita dei lavoratori e delle prestazioni. Il Dipartimento ritiene, infatti, che, per lo sviluppo e l’efficienza delle amministrazioni, le condizioni emotive dell’ambiente in cui si lavora, la sussistenza di un clima organizzativo che stimoli la creatività e l’apprendimento, l’ergonomia – oltre che la sicurezza – degli ambienti di lavoro, costituiscano elementi di fondamentale importanza ai fini dello sviluppo e dell’efficienza delle Amministrazioni pubbliche Per migliorare le prestazioni e gli effetti delle politiche pubbliche, è importante offrire agli operatori la possibilità di lavorare in contesti organizzativi che favoriscono gli scambi, la trasparenza e la visibilità dei risultati del lavoro, in ambienti dove esiste un’adeguata attenzione agli spazi architettonici, ai rapporti tra le persone e allo sviluppo professionale. Il Dipartimento della Funzione Pubblica ha collocato tra le priorità di cambiamento da sostenere nelle amministrazioni pubbliche, quella di creare specifiche condizioni che possano incidere sul miglioramento del sistema sociale interno, delle relazioni interpersonali e, in generale, della cultura organizzativa.”

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Gas. È ora di risparmiare. Con creatività

Cristina Calzecchi Onesti

Vendite in calo. Italiani a dieta forzata

Cristina Calzecchi Onesti

Dolore cronico, ne soffrono 10 milioni di italiani

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.