sabato, 15 Giugno, 2024
Regioni

FESR: oltre 629mln per promuovere gli investimenti in Liguria

Il Consiglio regionale ligure ha approvato la proposta di deliberazione 64 “Programma Regionale Liguria FESR 2021-2027” con l’obiettivo di promuovere gli investimenti a favore dell’occupazione e della crescita economica del territorio. Per il periodo 2021-2027 sono identificati tre obiettivi prioritari, ovvero la trasformazione degli elementi di staticità e fragilità del tessuto produttivo ligure, la transizione ecologica verso un modello di sviluppo sostenibile “green”, e l’accrescimento della coesione sociale, dell’equità e della qualità della vita.

Il Programma attiva 3 obiettivi di “Policy” (OP1, OP2 e OP5) e 9 Obiettivi Specifici per un importo complessivo di oltre 629 milioni di euro e 680 mila euro. 150 milioni saranno impegnati per sviluppare e rafforzare le capacità di ricerca e di innovazione e l’introduzione di tecnologie avanzate, 45 milioni sono rivolti a cittadini, imprese, organizzazioni di ricerca e autorità pubbliche per la digitalizzazione, 188 milioni per rafforzare la crescita sostenibile e la competitività delle PMI e la creazione di posti di lavoro nelle PMI, 7 milioni per sviluppare competenze per la specializzazione intelligente, la transizione industriale e l’imprenditorialità, 133 milioni per promuovere l’efficienza energetica e ridurre le emissioni di gas a effetto serra e 25 milioni per promuovere le energie rinnovabili.

Inoltre saranno stanziati ulteriori 30 milioni per promuovere la transizione verso un’economia circolare ed efficiente sotto il profilo delle risorse, oltre 40 milioni per la promozione dello sviluppo sostenibile e integrato di tutti i tipi di territorio e di iniziative locali, 40 milioni per lo sviluppo sociale, economico e ambientale integrato e per la cultura, il patrimonio naturale, il turismo sostenibile e la sicurezza nelle aree urbane e altri 10 milioni per promuovere lo sviluppo sociale, economico e ambientale.

Il provvedimento, inoltre, promuove la partecipazione dei giovani attraverso percorsi di cittadinanza attiva per accrescere il benessere individuale e della società, promuovere nei giovani il senso di appartenenza e di partecipazione alla comunità regionale, valorizzare e potenziare le competenze dei giovani per favorirne l’ingresso nel mondo del lavoro, contribuire alla salvaguardia del patrimonio ambientale, storico, artistico e culturale, promuovere il diritto alle pari opportunità e il consumo consapevole e l ‘economia solidale.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Piccole imprese. Cna teme per i rialzi dei tassi Bce. “Costo del denaro, così si rischia la chiusura”

Marco Santarelli

In Italia sempre più aziende investono sulla “green economy”

Paolo Fruncillo

Le sfide e le opportunità del 2021

Diletta Gurioli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.