lunedì, 20 Maggio, 2024
Esteri

Sisma Siria-Turchia: oltre 41mila persone hanno perso la vita

Con il passare dei giorni il bilancio delle vittime del sisma che si è abbattuto tra la Siria e la Turchia si è aggravato sempre di più. In Turchia, più di 35 mila persone hanno perso la vita e a queste si aggiungono le vittime in Siria per un bilancio totale che sarebbe di 41 mila morti. Nel frattempo, nelle aree colpite dal terremoto continua a giungere il sostegno dal mondo e anche Papa Francesco ha lanciato un appello per un impegno concreto.  “Non dimentichiamo quanti soffrono a causa del terremoto in Turchia e Siria. Continuiamo a pregare per le vittime e i loro cari e impegniamoci concretamente ad aiutare i sopravvissuti.

Il Signore dia consolazione alle popolazioni colpite da questa immane tragedia”, ha scritto Bergoglio su Twitter. Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha annunciato un appello umanitario lanciato dall’Onu da 397 milioni di dollari per aiutare la popolazione della Siria. Oggi il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, sarà in Turchia, nelle aree colpite dal terremoto e ad Ankara, dove incontrerà il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il ministro degli Esteri, Mevlut Cavusoglu.   Prosegue anche il supporto italiano, coordinato dal Dipartimento della Protezione Civile nell’ambito del Meccanismo europeo.

Stamattina sono partiti due aerei, messi a disposizione dalla Guardia di Finanza, con quattro funzionari del Dipartimento della protezione civile e il personale sanitario della Regione Piemonte che presterà servizio nell’ospedale da campo che viene allestito ad Antiochia, in Turchia. Intanto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, ha ribadito che “continuano le ricerche” per l’italiano che si trovava in Turchia al momento del terremoto e che non è stato ancora rintracciato.   “Abbiamo mandato una squadra specializzata” in Turchia “per cercare di individuare Angelo Zen, che non risponde all’appello. “Non è stato trovato tra le vittime, quindi non sappiamo che fine abbia fatto”, ha affermato Tajani. Tajani ha fatto sapere di avere parlato con il presidente della Croce Rossa internazionale Francesco Rocca per cercare di trovare una soluzione per far passare i convogli della federazione internazionale , che comprende anche la Mezzaluna rossa,  attraverso la Turchia per farli arrivare anche nella parte di Siria che non controllata dai curdi, parlando poi del tentativo di agevolare i percorsi dei convogli e delle ong perché possano arrivare nelle zone non controllate dal governo siriano, ma che sono in mano curda o in mano ai ribelli.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Calo dei consumi, colpa dell’inflazione che ‘stressa’ la spesa degli italiani

Maria Parente

Aspettando Godot

Tommaso Marvasi

Libri danneggiati dall’alluvione, gli “angeli del fango” i nuovi restauratori

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.