giovedì, 9 Febbraio, 2023
Ambiente

Legambiente, il 2022 anno disastroso per i ghiacciai alpini

Alla vigilia della Giornata internazionale della montagna, Legambiente e il Comitato Glaciologico Italiano (Cgi), hanno presentano il report finale di Carovana dei ghiacciai 2022 nel quale emerge che quest’ultimo anno è stato disastroso per i Ghiacciai alpini, sempre più fragili, vulnerabili e instabili per effetto della crisi climatica.

Ghiacciai che ingrigiscono mentre perdono di superficie e spessore, si disgregano in corpi più piccoli confinati ad alta quota, dove aumentano fenomeni di instabilità quali frane, colate detritiche, valanghe di roccia e di ghiaccio. Nell’ultimo anno i giganti bianchi hanno dovuto fare i conti con un’estate caldissima, caratterizzata da intense ondate di calore, record di temperature per il Nord Italia e siccità estrema. Si pensi che, a fine luglio, Meteo Suisse ha registrato lo zero termico sulle Alpi svizzere a 5.184 metri, numeri del tutto insoliti considerato che normalmente, nel mese di agosto, la quota dello zero termico si dovrebbe aggirare sui 3500 metri.

E ciò si è verificato dopo un inverno povero di neve, con impatti negativi anche per le comunità e l’economia: numerose le piste chiuse, per la prima volta le discese autunnali di Coppa del Mondo di sci alpino sui ghiacciai tra Zermatt e Cervinia sono state annullate e le guide alpine, per l’aumentata pericolosità dei tracciati, hanno dovuto rinunciare agli accompagnamenti sul Monte Bianco e sul Monte Rosa. Per Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente “è fondamentale che il Governo Meloni approvi il Piano di adattamento climatico entro fine anno come annunciato e introduca gli strumenti e le risorse per attuarlo nel prossimo futuro. È altrettanto fondamentale procedere speditamente allo sviluppo delle politiche di mitigazione, partendo dall’aggiornamento del Pniec agli obiettivi del programma europeo Repower EU”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

L’asse Roma-Parigi guardando all’Europa

Giuseppe Mazzei

PNRR e spese militari, l’ira dei pacifisti contro le “bombe verdi”

Piccinino

Mancini: “Fieri di aver reso felici 60 milioni di italiani”

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.