sabato, 26 Settembre, 2020
Società

Ecco le giostrine dal “pollice verde”

Sponsor

Non semplici giostrine, ma un progetto di inclusione sociale che, anche alla luce degli incendi boschivi che hanno interessato l’area del Parco Nazionale del Vesuvio nel luglio 2017, punta a ricostruire una coscienza ecologica. Questa la finalità l’area ludico-ricreativa denominata “Green Play”, realizzata con il contributo ricevuto da UniCredit, che sarà inaugurata domani martedì 17 dicembre alle ore 9,30 a Trecase in provincia di Napoli.

Il progetto, ideato dall’Aps “San Domenico Savio” prova a rispondere a questa nuova esigenza formativa del territorio, creando spazi di aggregazione su aree che verranno piantumate a scopo didattico, in quanto mancano aree verdi attrezzate e luoghi di aggregazione pubblici all’aperto.

“Gli spazi aggregativi – spiegano i membri del sodalizio – provano a creare responsabilità verso il bene comune, verso la natura, verso gli altri, conservando, però, forme ludiche di apprendimento, utilizzando i beni strumentali finanziati dal progetto”. In pratica i bambini impareranno il rispetto per l’ambiente, l’arredo e gli altri giocando e divertendosi. Destinatari del progetto sono i 456 bambini residenti a Trecase tra i 5 e i 9 anni con i propri genitori. Il 10% di questi minori sono di interesse dei servizi sociali.

L’iniziativa è stata resa possibile anche grazie al contributo di UniCredit che, con il progetto “Carta Etica“, ha sostenuto il progetto “Green Play” con l’acquisto delle attrezzature ludiche e ricreative  che saranno da oggi a disposizione dei giovani del territorio.

Il Progetto “Carta E” di UniCredit prevede che, grazie alle carte di credito a contribuzione Etica (UniCreditCard Flexia Etica, Business Etica e Visa Infinite Etica) i clienti della banca possono contribuire a fare beneficienza con il semplice utilizzo delle carte e senza alcun costo aggiuntivo. Per ogni spesa effettuata con la carta, infatti, UniCredit rinuncia ad una parte delle commissioni per alimentare un fondo destinato a sostenere diverse iniziative di solidarietà sul territorio. Con “Carta Etica” UniCredit ha già sostenuto in Italia oltre 750 progetti di utilità sociale a livello locale.

I protagonisti della manifestazione saranno quindi i fanciulli della scuola dell’infanzia dell’Istituto comprensivo “D’Angiò” di Trecase, accompagnati dai loro docenti e dai loro genitori. Sono previsti momenti di animazione e spettacolo nella sala teatro e poi il lancio dei palloncini e il taglio del nastro da parte del presidente dell’Oratorio, don Federico Battaglia, alla presenza del Sindaco di Trecase, Raffaele De Luca, dell’Assessore con delega alle Politiche Sociali, Luisa Stanzione, della Dirigente scolastica Agata Esposito e di Angelo Pinto, referente Territorial Development per il Sud di UniCredit.

Nel corso della cerimonia ci sarà una rappresentazione canora natalizia a cura dei fanciulli della scuola. “Siamo grati a UniCredit per aver finanziato il nostro spazio verde attrezzato per salvaguardare il diritto delle periferie a rimanere tali senza spopolarsi e doversi spostare sempre altrove – afferma il presidente dell’associazione, don Federico Battaglia –  vogliamo che i nostri bambini possano esercitare pienamente il loro diritto al gioco avendo, spazi adeguati per farlo e la possibilità di incontrarsi con i loro coetanei, sviluppando relazioni sane e sicure, fondamentali per la loro crescita fisica e, perché no, anche spirituale”.

Articoli correlati

I risparmi dei bimbi ai medici anti-covid

Angelica Bianco

La vita rinasce sul Vesuvio

Ettore Di Bartolomeo

Rischio Vesuvio, informare è prevenire

Carmine Alboretti

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni