mercoledì, 7 Dicembre, 2022
Esteri

Continuano le proteste in Iran per Mahsa Amini

Gli studenti di molte università in Iran hanno continuato a protestare, come avviene dalla scorsa settimana, per Mahsa Amini, la ventiduenne curda morta il 16 settembre dopo essere stata arrestata dalla polizia morale perché non portava il velo in modo corretto.

A causa di questo evento il Paese è protagonista da oltre una settimana di diverse manifestazioni contro ogni forma di violenza, sostenendo principalmente le donne. Proteste si sono tenute negli atenei di Shiraz e Birjand oltre che in alcune università di Teheran, dove gli studenti hanno anche chiesto il rilascio di alcuni colleghi arrestati nei giorni scorsi nell’Università Sharif, sempre nella capitale. Le tensioni non sono destinate a cessare poiché i cittadini nelle varie Regioni continuano giustamente a sostenere e a lottare per i loro diritti.

Sponsor

Articoli correlati

Ue chiede sanzioni per responsabili della morte di Mahsa Amini

Gianmarco Catone

La rivoluzione non violenta contro la “strage dei fiori” in Iran

Rosalba Panzieri

Amnesty, proiettili veri contro i manifestanti in Iran

Lorenzo Romeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.