sabato, 26 Novembre, 2022
Regioni

Vaiolo delle scimmie, allo Spallanzani di Roma al via le vaccinazioni

ROMA (ITALPRESS) – "Iniziate oggi all'Istituto Spallanzani di Roma le prime somministrazioni del vaccino contro il vaiolo delle scimmie. Saranno una decina le somministrazioni odierne ma sono già 500 coloro che hanno espresso la volontà di vaccinarsi. Ricordo che le regole per la vaccinazione sono contenute nella circolare del Ministero della Salute". Lo annuncia l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. In accordo con la Circolare del Ministero della Salute del 5 agosto, la vaccinazione non ha carattere di massa ma è diretta alle persone a maggior rischio di infezione da Monkeypox virus, come le persone gay, transgender, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM), che rientrino in una serie di criteri di rischio, e il personale di laboratorio con possibile esposizione diretta a orthopoxvirus. Il vaccino è l'JYNNEOS (MVA-BN), vaccino antivaioloso basato su virus vaccinico vivo, Ankara modificato, non replicante, approvato da EMA per la profilassi del vaiolo delle scimmie. Secondo il piano del ministero, alla Regione Lazio sono state consegnate 1200 dosi. L'Istituto Spallanzani, individuato dalla Direzione Regione Salute del Lazio come polo regionale per questa vaccinazione, ha iniziato già da sabato scorso a selezionare le persone candidate mettendo a disposizione una mail pubblica (vaccinomonkeypox@inmi.it) e contando sulla collaborazione della rete dei centri di Malattie Infettive, Centri HIV, Ambulatori PrEP, Centri per la salute sessuale presenti sul territorio regionale, e sul forte supporto delle associazioni LGBTQIA+, associazioni di lotta all'HIV, e del Checkpoint di Roma, presso le cui sedi sarà anche possibile la selezione delle persone a rischio, mediante protocollo condiviso con l'Istituto romano. In questi due giorni sono già pervenute allo Spallanzani oltre 600 richieste di prenotazione spontanee e circa 200 sono già in appuntamento per la vaccinazione a partire da oggi. Grazie alla immediata risposta organizzativa della Regione Lazio – fa sapere l'ospedale Spallanzani – della rete sanitaria e associativa regionale, dopo nemmeno 3 mesi dalla segnalazione dei primi casi in Italia, inizia una nuova fase di lotta e contrasto a questa epidemia, che il WHO ha dal 23 luglio 2022 classificato emergenza sanitaria globale. (ITALPRESS). – Foto Ufficio stampa Regione Lazio – fag/com/red 08-Ago-22 13:06

Sponsor

Articoli correlati

Giustizia: Cartabia “Funziona con sinergia autentica tra Istituzioni”

Angelica Bianco

Sicilia, Cancelleri “Non mi candido, ma resto nel Movimento 5 Stelle”

Redazione

Vaccino, inaugurato nuovo hub a Cefalù

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.