martedì, 23 Luglio, 2024
Regioni

Veneto, dalla Regione contributi per rottamazione vecchie stufe

VENEZIA (ITALPRESS) – E stato pubblicato sul Bur il bando per la concessione di contributi regionali, destinati alla rottamazione e all'acquisto di impianti termici domestici a combustione di biomassa legnosa, che era già stato approvato dalla Giunta regionale. "Una delle tante azioni che la nostra Regione mette in campo per il risanamento dell'aria – afferma l'assessore all'ambiente Gianpaolo Bottacin, promotore dell'iniziativa – attraverso cui incentiviamo la rottamazione dei vecchi apparecchi per il riscaldamento domestico affinché vengano sostituiti con impianti a basse emissioni in atmosfera e ad alta efficienza energetica". Obiettivo del bando è, infatti, quello di favorire l'ammodernamento degli impianti domestici obsoleti, intervenendo in un momento storico in cui le condizioni climatiche e la crisi energetica che si prospetta rendono urgente sostenere l'utilizzo di fonti rinnovabili per il riscaldamento domestico, nella massima attenzione dell'ambiente. "E' noto, infatti, che una delle principali cause dell'inquinamento atmosferico è riconducibile alla combustione non appropriata della biomassa legnosa – specifica Bottacin – per cui è importante utilizzare impianti moderni ed efficienti e fare una costante manutenzione". L'iniziativa è rivolta ai privati residenti nel territorio regionale con una situazione economica familiare non superiore a 50mila euro (ISEE ordinario 2022). Il contributo regionale è aggiuntivo rispetto all'incentivo assegnato dal GSE quantificato in rapporto alla situazione economica familiare (fattore principale), nonché sulla base delle emissioni di particolato primario generate dal nuovo impianto. Nella determinazione della graduatoria si terrà anche conto del Comune in cui è realizzato l'intervento, con un ulteriore coefficiente premiale per quei Comuni che abbiano adottato dal 2019 ordinanze per il miglioramento della qualità dell'aria. "Abbiamo scelto la formula di sommare il nostro contributo a quello statale previsto dal conto termico – spiega Bottacin – con l'obiettivo di ampliare la platea dei possibili richiedenti, che potranno ottenere un contributo molto alto, vicino al 100% della spesa ammessa. Ovviamente, per le medesime ragioni, abbiamo scelto come criterio principale il reddito familiare, così da aiutare chi ne ha veramente bisogno". Il bando si inserisce nel complesso delle iniziative, da tempo in atto, oltre che migliorare la qualità dell'aria, anche per sensibilizzare la cittadinanza ad adottare corretti comportamenti nell'utilizzo degli impianti termici a biomassa legnosa, nell'intento di diffondere una consapevolezza ambientale nell'uso di questo tipo di generatore di calore, così diffuso sul nostro territorio. – Foto Agenziafotogramma.it – (ITALPRESS). fil/com 29-Lug-22 14:06

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Terremoto, riapre dopo 9 anni il Museo dei burattini a Crevalcore

Giulia Catone

Scoperti 26 lavoratori in nero o irregolari nell’Ennese

Redazione

Cinema, al via il “Filming Italy Sardegna festival”

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.