martedì, 5 Marzo, 2024
Società

L’Italia travolta dalla Germania in Nations League

La Germania non fa sconti e domina la partita contro l’Italia vincendo 5-2 al Borussia Park di Monchengladbach, scavalcando in classifica gli azzurri e assestandosi alle spalle dell’Ungheria, prima a sorpresa dopo un’altra vittoria netta sull’Inghilterra. Mancini cambia nove uomini nell’undici iniziale rispetto all’ultima sfida e si affida al tridente leggero con Politano e Gnonto ai lati di Raspadori che, dopo pochi minuti, chiama Neuer a un miracolo per salvare i suoi.

Ma la Germania si scuote e prende le redini del gioco, trovando la rete del vantaggio al 10′ con Kimmich: tutto troppo facile per il centrocampista del Bayern, colpevolmente dimenticato dalla difesa azzurra sul cross di Raum proveniente dalla sinistra.

L’Italia soffre, Donnarumma si oppone in serie alle conclusioni di Hofmann, Sané e Werner, così Mancini decide di cambiare prima dell’intervallo: dentro il debuttante Luiz Felipe per Politano e passaggio al 3-5-2. Ma prima del duplice fischio, la Germania raddoppia: ingenuità di Bastoni in area su Hofmann, Kovacs indica il dischetto e Gundogan non lascia scampo a Donnarumma.

Nella ripresa spazio per altri due esordi, Scalvini e Caprari, e l’Italia sembra poter cambiar marcia, ma al 51′ sono ancora i padroni di casa a colpire con Muller, con Donnarumma questa volta sorpreso dalla traiettoria. La Germania sembra poter dilagare in ogni ripartenza e al festival del gol partecipa anche Werner con una doppietta in pochi secondi: prima la zampata dopo una bella azione, poi il pasticcio con i piedi di Donnarumma che viene punito dal centravanti del Chelsea. L’Italia trova il gol con Gnonto, col tap-in dopo il tiro di Dimarco, che diventa il più giovane marcatore azzurro, poi, dopo una superparata di Neuer su Dimarco, la rete di Bastoni al 94′ per rendere meno amara una serata storta.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Mattarella e Macron rinnovata sintonia

Stefano Ghionni

1 italiano su 3 conduce uno stile di vita sedentario

Federico Tremarco

A metà febbraio 683 milioni alla Toscana dal Fondo sviluppo e coesione

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.