lunedì, 15 Aprile, 2024
Cultura

Bertinotti colpisce al cuore il Ponte della Legalità

Davvero l’Italia è una Repubblica fondata su lavoroL’art. 1) della nostra Costituzione è stato affondato anzi colpito al cuore? Chi sono gli assassini della Costituzione? E come è potuto accadere che abbiano avuto mano libera? Questi e molti altri gli interrogativi che il sindacalista Bertinotti si pone nel suo saggio “Colpita al cuore: analisi del fallimento dell’art.1 della Costituzione” (Edito da Castelvecchi).

All’amara analisi del Presidente, che preferisce esser appellato come sindacalista, che si conclude con il  rovesciamento dei Valori della dignità della persona, dopo i «trenta anni gloriosi» iniziati con la promulgazione della Carta del ’48 e poi sfociati nell’era del Jobs Act del governo Renzi e dello sfruttamento degli immigrati, si contrappone che la speranza che alla proclamazione della dittatura del Mercato, si contrapponga una nuova ondata di “illuminanti pensatori”.

L’ex leader sembra non avere alcuna remora a distinguere fra “sconfitta” e “fallimento”C’è sempre la necessità, per chi vuole cambiare il mondo, dell’attesa dell’evento, di ciò che cambia la scena senza essere stato prevedibile. Un’attesa che per essere autentica deve essere partecipata, attivaanche in politica c’è il tempo della semina, ed è proprio per questo che, come scrive Kavafis, “devi augurarti che la strada sia lunga”Ricominciare daccapo,  riavvolgere la storia della nostra Costituzione e porre le menti attive della cittadinanza sulla  lunga strada dei diritti umani da contrapporre all’ontologia dell’incertezza dei mercati finanziari, è racchiuso nella  motivazione del Premio IusArteLibri “che non Vi siano più diritti colpiti al cuore, sanciti solo per estetica costituzionale ma di fatto concretamente negati ai cittadini”.

La cerimonia si è conclusa con  il perfetto connubio fra diritto e convivialità, con una pranzo a base di pesce e bollicine delle Langhe, per pochissimi eletti del Direttivo IusArteLibri: la giornalista Flaminia Marinaro, l’A.D. di Cisal Servizi Francesco Greco, l’entusiasta giovane premiante ed il docente Ivano Daffinà, patron di casa della Library Hall del Ristorante Simposio.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Premio IusArteLibri Il ponte della Legalità 2022

Redazione

Alla Camera dei Deputati la Premiazione IusArteLibri: il Ponte della Legalità 2020 “incovid” Riconoscimento Speciale a Jole Santelli

Vittorio Zenardi

Quando il giudizio è malato di pregiudizio

Antonella Sotira

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.