giovedì, 30 Giugno, 2022
Economia

Cdp, 10 miliardi per le Pmi italiane

Attivare nuova finanza per dieci miliardi di euro finalizzati a prestiti da parte del sistema bancario a favore delle piccole e medie imprese italiane.

È questo il principale obiettivo dell’iniziativa realizzata da Cassa Depositi e Prestiti (CDP) insieme al Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI, parte del Gruppo BEI) e a Mediocredito Centrale (MCC), gestore del Fondo di garanzia per le PMI (Fondo PMI), che consentirà di raggiungere un totale di 15 miliardi di euro di finanziamenti e di rafforzare la collaborazione delle istituzioni già coinvolte nell’intesa sottoscritta lo scorso settembre, che aveva già attivato risorse per cinque miliardi.

In particolare, consentirà di raggiungere un totale di 15 miliardi di finanziamenti e di rafforzare la collaborazione delle istituzioni già coinvolte nell’intesa sottoscritta lo scorso settembre, che aveva già attivato risorse per 5 miliardi.

Si prevede che complessivamente, attraverso la garanzia offerta dal Fondo Pmi di MCC, gli accordi siglati sosterranno l’accesso al credito a condizioni vantaggiose di circa 90 mila piccole e medie imprese italiane esposte alle conseguenze economiche della crisi pandemica e della guerra in Ucraina, il triplo rispetto alle 30 mila stimate per l’intesa raggiunta a settembre, puntando così a salvaguardare anche i livelli occupazionali.

Nel dettaglio, la struttura dell’intera operazione si basa su un portafoglio di nuove garanzie originate dal Fondo Pmi fino a un ammontare massimo di 12,5 miliardi, di cui CDP contro-garantirà l’80% (quindi fino a 10 miliardi). CDP beneficerà a sua volta di una contro-garanzia concessa dal FEI – di cui la Banca Europea degli Investimenti (BEI) è il principale azionista – a valere su risorse FEG. Dario Scannapieco, Ad di CDP, ha dichiarato: “Con questa operazione si rafforza la collaborazione con il Gruppo BEI e con Mediocredito Centrale con l’obiettivo di generare un impatto positivo sugli investimenti e sui livelli occupazionali in Italia.
CDP svolge un ruolo strategico nel consentire alle risorse europee di attivare nuova finanza per le aziende italiane e ancora una volta conferma la vicinanza alle PMI esposte alla crisi pandemica, per favorire i loro piani di sviluppo e contribuire alla ripartenza del tessuto imprenditoriale del nostro Paese”.

Bernardo Mattarella, Ad di MCC, ha dichiarato: “Si tratta di un’operazione che rafforzando la capacità operativa del Fondo di garanzia consente un maggior sostegno per le PMI italiane, soprattutto in una congiuntura economica ancora complessa. La collaborazione con CDP e il Gruppo BEI conferma il ruolo istituzionale di Mediocredito Centrale che, attraverso la costruzione di partnership strategiche, persegue l’obiettivo di favorire lo sviluppo delle piccole e medie imprese e accrescere la competitività del sistema Paese”.

Sponsor

Articoli correlati

Le Pmi italiane guardano al Sud-est asiatico ma non tutelano il loro credito

Redazione

Mef e Cdp, una mano ad amministrazioni ed Enti locali

Cristina Calzecchi Onesti

Una pioggia di bonus e incentivi. Aiuti per giovani, affitti e cultura

Maurizio Piccinino

Lascia un commento