domenica, 3 Marzo, 2024
Società

Parte da Roma la Race for the Cure 2022

La “Race for the Cure” torna con la sua presenza in sei città italiane con l’obiettivo di testimoniare l’importanza della prevenzione nella lotta ai tumori, promuovere uno stile di vita sano e raccogliere i fondi per finanziare i progetti di ricerca.

Organizzata da Komen Italia e patrocinata dalla Presidenza della Repubblica, la manifestazione sostiene la ricerca per contrastare i tumori in particolare del seno. Partirà da Roma e si sposterà in altre 6 città italiane.   Roma (5-8 maggio), Bari (13-15 maggio), Napoli (20-22 maggio), Bologna (16-18 settembre), Brescia (23-25 settembre), Matera (30 settembre-2 ottobre) e Pescara (7-9 ottobre). Il record da battere? Il ritorno alla normalità dopo due anni di restrizioni imposte dalla pandemia.

“Già da giovedì 5 maggio al Circo Massimo sarà allestito il Villaggio della Salute con aree mediche e tematiche nelle quali saranno offerti gratuitamente esami diagnostici di screening per le principali patologie femminili e dove si potrà partecipare a tante iniziative di sport, fitness, sana alimentazione e benessere psicologico” ha spiegato Riccardo Masetti, presidente di Susan G. Komen Italia e direttore del centro integrato di Senologia del Policlinico universitario Gemelli di Roma.

La corsa, il cuore della manifestazione, ci sarà la mattina di domenica 8 maggio con il percorso dei 5 km e la passeggiata di 2 km nel cuore della Città Eterna. Per partecipare e iscriversi (attraverso il sito www.raceforthecure.it) la donazione minima è di 15 euro. “Donne in rosa”, le persone che stanno affrontando o hanno affrontato il tumore del seno, oltre a numerosi testimonial del mondo dello sport e alle madrine Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi.

Dal 2000 a oggi, grazie soprattutto alla Race for the Cure, Komen Italia ha investito più di 21 milioni di euro in oltre 1000 progetti a tutela della salute delle donne. “Con grande piacere quest’anno andrò al villaggio da sindaco e darò lo start alla corsa – ha dichiarato il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, durante la conferenza stampa odierna – Siamo orgogliosi che la Race si tenga a Roma. Grazie a tutti quelli che contribuiscono a questo appuntamento che mette al centro la cura, la prevenzione, l’alimentazione, la salute, la solidarietà e la lotta ai tumori del seno. Proprio per questo, quest’anno, promuoviamo anche la Kids for the cure. Ci aspettiamo numeri importanti per una bella giornata di gioia”.

“Sono 23 le edizioni della Race for the Cure – le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò – È impressionante. Credo che il nostro mondo sia il più incisivo veicolo di promozione. Lo sport è il soggetto che più di tutti può aiutare e prevenire”. In conferenza sono intervenuti anche l’assessora alle Pari opportunità della regione Lazio, Enrica Onorati, e l’assessore ai Grandi eventi, sport e turismo del comune di Roma, Alessandro Onorato. Il quale ha ribadito l’importanza dello sport come “veicolo di pace e di salute per imparare a stare bene fin da piccoli”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Medicina penitenziaria. Accordo Co.N.O.S.C.I.-SISM per formazione e ricerca

Emanuela Antonacci

Fvg, da Regione “pacchetto scuola” da 3mln per ripartenza in sicurezza

Francesco Gentile

Un terzo delle imprese pronti a utilizzare i finanziamenti europei e i fondi comunitari

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.