lunedì, 15 Aprile, 2024
Attualità

Coni fiero di accogliere gli atleti ucraini

L’Italia dello sport si stringe attorno all’Ucraina e ai suoi atleti. Dall’inizio dell’invasione russa, il CONI e le Federazioni Sportive Nazionali sono scesi in campo per aiutare e supportare gli atleti ucraini per le inevitabili ripercussioni che conflitto sta avendo nello sport. A far ancora più rumore sono le parole rilasciate dal Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Ucraino, Sergey Bubka, riferite dal presidente del CONI Giovanni Malagò: “Giovanni i russi non li sentiamo più”.

“Che colpa ha un atleta russo in carrozzina, che si allena da quattro anni per le Paralimpiadi? Nessuna – è la considerazione del presidente del Coni -. La pensava così anche il board dell’International Paralympic Committee, quando ha deciso di far disputare i giochi a guerra iniziata. Però, cosa è successo? Che gli altri, e non certo solo gli ucraini, si sono rifiutati. Fate gareggiare loro? hanno detto. Noi torniamo a casa. Volevano che i russi prendessero posizione contro l’invasione”. Malagò si definisce “uno che lo sport lo sente scorrere dentro, come il sangue, da sempre. Tu arrivi a Pechino e pensi ancora che la tregua olimpica sia uno dei capisaldi del nostro mondo.

Putin sta lì e puoi ancora pensare che il quadretto stia in piedi. Invece lui saluta, torna a casa, e attacca. Attacca mentre i paralimpici scaldano i muscoli! Mi chiedo che cosa possa fare lo sport dentro un mondo così”.   La Federbasket ha preso posizione da tempo e ha annunciato che gli azzurri non giocheranno contro la Russia. “Non so come fermare quest’orrore, ma so che non posso fare finta che niente sia accaduto. E so da che parte stare. Con Gianni Petrucci, che ha detto forte e chiaro: l’Italia non gioca, e con gli atleti ucraini. Quelli che si allenano da noi per qualificare alle Olimpiadi un Paese che rischia di scomparire. E quelli che sono rimasti a combattere. Tanti di più. Lo sport e la guerra sono agli antipodi. Uno è l’acme della civiltà. L’altra il fondo della barbarie”.

Per Malagò il mondo dello sport è compatto di fronte alla guerra. “Abbiamo meno minoranze rumorose e più chiarezza delle regole, scritte e non. La democrazia nello sport è una continua forma di autodeterminazione. È il segno di un’identità. Un’identità non la stanchi. L’identità ucraina nello sport può sopravvivere dopo una guerra così? Deve riuscirci. Per questo l’80% dei loro atleti olimpici è in Italia. Accoglierli è stato il nostro orgoglio. Li abbiamo dichiarati tesserabili come cittadini. Spero che abbiano la testa, oltre che il corpo, per qualificarsi a Parigi”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Albarella, l’Isola dello sport, fa squadra con il Coni e lancia “Albarella Sport Events”

Barbara Braghin

Superlega, terremoto nel mondo del calcio

Valerio Servillo

Tg Sport ore 12.30 del 11/06/2019

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.