martedì, 5 Marzo, 2024
Società

Autolesionismo e minori. Norme più severe, finalmente

Ok unanime da parte del Senato al disegno di legge che apporterà alcune modifiche al Codice penale in merito ai reati di istigazione alla violenza, all’autolesionismo e al suicidio. L’atto, presentato a dicembre, non ha ottenuto nessun voto contrario e passa ora all’esame dell’emiciclo di Montecitorio.

Un’iniziativa legislativa in tal senso era quanto mai doverosa, tenuto conto degli ultimi dati disponibili sul fenomeno, numeri che contribuiscono a fotografare una situazione a dir poco allarmante: un giovane su quattro, con età compresa tra gli 11 e i 14 anni, ha affermato di aver visto intenzionalmente in rete contenuti su altri ragazzi che si autoinfliggono ferite; mentre il 60% ha dichiarato di aver addirittura condiviso sui social network materiale multimediale riguardante comportamenti autolesionistici.

L’impatto del fenomeno sui minori

Come se non bastasse, su circa 8000 adolescenti, compresi nella fascia di età che va dagli 11 ai 13 anni, i comportamenti autolesionistici sono stimati attorno alla preoccupante quota del 18%. Il dato forse ancor più preoccupante dell’intera faccenda è che ben il 96% dei genitori risulta essere completamente all’oscuro del problema.

Proprio per questi motivi, si è ritenuto necessario correre ai ripari e sveltire l’approvazione di una norma che fosse capace di prevedere una duplice tutela nei confronti di tutti quei minorenni che affrontano gravi sofferenze sul piano fisico e psicologico, come appunto l’istigazione alla violenza o all’autolesionismo.

Come si aggiornerà il Codice penale

Ai sensi del nuovo articolo 414-ter del Codice penale, chiunque istighi un minore attraverso strumenti informatici (o con qualsiasi altro mezzo di comunicazione) riguardo alla commissione di atti di violenza o di autolesionismo, è punito con la reclusione da uno a cinque anni. Se l’atto di violenza o di autolesionismo da parte del minore dovesse verificarsi, la pena aumenterà da cinque a dodici anni.

Il provvedimento in questione stabilisce, appunto, l’obbligo per i gestori delle piattaforme digitali, come ad esempio i social network, di oscurare, rimuovere o bloccare tutti quei contenuti multimediali che coinvolgono minorenni sui quali sia stata compiuta un’istigazione a commettere atti di violenza, suicidio o autolesionismo. Se i gestori non adempiranno ai propri obblighi entro un massimo di 48 ore, potranno essere costretti ad agire sulla base di uno speciale provvedimento del Garante della Privacy.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Combattere la povertà educativa minorile

Carmine Alboretti

Giovani: la troppa esposizione ai dispositivi elettronici aumenta il disturbo del sonno

Valerio Servillo

Sud: “Una rete per l’inclusione” ai minori in stato di detenzione

Valerio Servillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.