mercoledì, 8 Febbraio, 2023
Società

Donne al comando. Confartigianato: imprese femminili, Italia prima in Europa. Biolatto: ma servono più tutele ed equità

Le donne italiane sono le più intraprendenti d’Europa. Sul podio con 1,4 milioni di lavoratrici indipendenti, davanti a 1,2 milioni della Francia e a 1 milione di Germania e Spagna. Ma sono anche quelle che hanno pagato il prezzo più alto della crisi pandemica: tra settembre 2019 e settembre 2021, l’occupazione femminile indipendente è diminuita del 7,8%, a fronte del calo del 6,1% registrato dalla componente maschile.

L’impegno femminile

Il trend del lavoro indipendente è rilevato da Confartigianato in un’analisi dalla quale emergono le difficoltà e gli sforzi per recuperare il terreno perduto nel corso dei 23 mesi di pandemia.
Confartigianato ha approfondito, in particolare, l’impegno delle 219.198 imprese artigiane guidate da donne che stanno vivendo una fase ancora incerta sul fronte della ripresa ma sono anche molto determinate a rilanciare la propria attività. Un sondaggio condotto da Confartigianato tra le imprenditrici artigiane lombarde mette in evidenza un calo dei ricavi del 9,7% tra il 2019 e il 2021, superiore al -8,8% registrato dal totale degli imprenditori. A provocare questo calo vistoso la forte presenza nei settori più colpiti dalla crisi: la moda e il benessere.

Le donne più capaci

Ma le imprenditrici artigiane non si arrendono: dalla rilevazione di Confartigianato emergono segnali di resilienza e capacità di reazione superiori a quelle dei colleghi maschi. Il 61,2% delle imprenditrici si dice infatti, pronta ad adottare azioni di sviluppo per la propria azienda. Le donne alla guida di piccole imprese puntano soprattutto a migliorare la qualità del personale con attività di formazione e nuove assunzioni e a cambiare l’organizzazione interna dell’azienda.

Carriere da valorizzare

“Le donne”, sottolinea la presidente di Donne Impresa Confartigianato Daniela Biolatto, “trovano nell’attività d’impresa la strada per l’inclusione lavorativa, per costruire percorsi di carriera e valorizzare le proprie competenze, ma anche una risposta alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Il sostegno all’imprenditoria femminile diventa quindi strategico per raggiungere il pieno empowerment femminile anche nel contesto lavorativo, contribuendo allo sviluppo equo e sostenibile del nostro Paese”.

Conciliare vita-lavoro

“Per conseguire questo obiettivo”, conclude la presidente di Donne Impresa Confartigianato, “bisogna agire su diverse leve, anche sugli aspetti fiscali e contributivi a favore di imprese che consentirebbero di favorire la costruzione di un terreno fertile per lo sviluppo imprenditoriale femminile, nonché la promozione di forme di conciliazione vita-lavoro e di welfare territoriale”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Natale: in Italia 477 mila imprese, +6% in 5 anni, + 4% in Lombardia

Redazione

Moda, imprese e giovani. Cna-Federmoda: a Firenze il rilancio del settore. Il futuro è sostenibilità

Leonzia Gaina

Credito alle imprese. Confagricoltura: aiuti per crescere e incentivi per i giovani

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.