mercoledì, 16 Ottobre 2019
Articoli del Giorno Economia

Payback farmaceutico, ripartiti più di 1.650 mln

“Finalmente arriva il via libera al decreto con il quale vengono ripartite tra le Regioni le risorse versate dalle aziende farmaceutiche per il ripiano dello sfondamento della spesa farmaceutica per gli anni 2013-2017, già disponibili in un apposito capitolo di bilancio del ministero dell’Economia.

Si tratta di più di 1.650 milioni. E siamo già al lavoro per definire il payback farmaceutico relativo al 2018”. Lo ha detto il presidente delle Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Stefano Bonaccini.

“Il decreto si è sbloccato grazie al lavoro di confronto costante delle Regioni, del Governo e della rappresentanza delle aziende farmaceutiche. Si tratta di una cifra importante per i bilanci regionali e per il servizio sanitario”, commenta Donato Toma, presidente del Molise che oggi ha presieduto la Conferenza delle Regioni.

Questa la ripartizione del fondo pay back da assegnare a ciascuna Regione e Provincia autonoma:

Abruzzo 51.369.131 euro, Basilicata 23.340.773 euro, Bolzano 11.968.380 euro, Calabria 60.458.237 euro, Campania 170.493.298 euro, Emilia-Romagna 144.562.287 euro, Friuli Venezia Giulia 44.731.915 euro, Lazio 151.531.646 euro, Marche 61.831.687 euro, Liguria 45.320.822 euro, Lombardia 120.656.050 euro, Marche 61.831.687 euro, Molise 4.337.303 euro, Piemonte 95.510.778 euro, Puglia 187.775.925 euro, Sardegna 86.057.390 euro, Sicilia 93.995.742 euro, Toscana 189.454.238 euro, Trento 1.881.818 euro, Umbria 33.680.461 euro, Valle d’Aosta 785.620 euro, Veneto 70.524.090 euro, per un totale di 1.650.267.593 euro. (Italpress)

Related posts

Autonomia, Boccia: «A rischio disparità, parlerò con tutti i Governatori»

Redazione

Sanità: le Regioni siano più responsabili

c. a.

La Sanità torni allo Stato. Le Regioni creano disuguaglianze

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni