sabato, 27 Novembre, 2021
Ambiente

Fondazione Guido Carli, Un manifesto per costruire un mondo nuovo

ROMA (ITALPRESS) – Green, talenti e trasformazione tecnologica come base della ripresa, contenuti in un manifesto che la Fondazione Guido Carli lancia per rimettere in moto il Paese e riconsegnare il futuro alle giovani generazioni. Il progetto è stato anticipato oggi dalla presidente della Fondazione Guido Carli, Romana Liuzzo, alla guida dell'istituzione culturale, da oltre dieci anni è in prima linea nella difesa dei diritti, nella promozione dello sviluppo e nella valorizzazione dei talenti del nostro Paese. L'occasione di confronto su questo terreno sarà la Convention "Il Mondo Nuovo – La Ripartenza", che la Fondazione ha in programma venerdì 3 dicembre alle 17.30 all'Auditorium Parco della Musica, Sala Sinopoli. Dove i protagonisti saranno manager delle grandi aziende, esponenti di spicco del mondo economico-finanziario e di quello politico-istituzionale, riuniti dalla Fondazione Guido Carli per discutere su come costruire insieme la fase che ci attende e della quale stiamo già vivendo – presumibilmente – la prima parte. Il documento verrà illustrato nell'ambito del confronto, ma i suoi contenuti salienti sono stati presentati oggi in anteprima alla stampa. Il manifesto si articola partendo da tre elementi fondamentali: la costruzione di un'Italia maggiormente green e sostenibile, che sappia utilizzare una parte significativa dei fondi recovery per potenziare il sistema degli incentivi destinato alla modernizzazione degli impianti energetici, siano essi domestici o industriali. La proposta è quella di un deciso piano di defiscalizzazione; il ritorno dei talenti, attingendo ai fondi Next Generation Eu per investire risorse nella creazione di nuovo capitale umano. Infine la trasformazione tecnologica dell'Italia, che consenta al nostro Paese di avviare la strada di un totale cambiamento tecnologico. "Viviamo un nuovo inizio – ha detto la presidente della Fondazione Guido Carli, Romana Liuzzo -. Questo significa avere la grande opportunità di proporre, costruire e creare, non certo di ristrutturare. L'Italia ha bisogno di nuovi cantieri, in grado di mettere solide fondamenta per il nostro futuro e di cancellare quello che di sbagliato avevamo realizzato prima della pandemia. In tutto questo il covid ha mostrato gli errori fatti, offrendo però anche opportunità di resettare e partire su basi già solide". L'evento del 3 dicembre sarà aperto proprio dalla presidente della Fondazione Guido Carli, Romana Liuzzo. A seguire il saluto istituzionale da parte del Ministro della transizione ecologica, Roberto Cingolani. I lavori verranno poi avviati dal Presidente onorario della Fondazione Guido Carli, Gianni Letta. I protagonisti del dibattito – moderati da Nicola Porro – saranno Aldo Bisio (Amministratore Delegato Vodafone Italia), Michela Vittoria Brambilla (Presidente Leidaa), Urbano Cairo (Presidente Cairo Communication e Rcs), Claudio Descalzi (Amministratore Delegato Eni), Oscar Farinetti (Fondatore di Eataly), Luigi Ferraris (Amministratore Delegato Ferrovie dello Stato), Giovanni Malagò (Presidente Coni) e Stefano Sala (Amministratore Delegato Publitalia'80). (ITALPRESS). tvi/com 25-Ott-21 10:01

Sponsor

Articoli correlati

Quattro società formano la newco Tremonti per interventi di bonifica

Redazione

Acea premia i vincitori di “Generazione Digitale”

Redazione

Ambiente, con le fototrappole a Roma segnalate migliaia di “ecoreati”

Redazione

Lascia un commento