domenica, 15 Dicembre, 2019
Articoli del Giorno Società

A Roma una Maker Faire green tra arte e robotica

Una manifestazione plastic free, “decarbonizzata”, che quest’anno cercherà di coniugare l’arte contemporanea con l’innovazione tecnologica. Sono queste le proposte principali del Maker Faire 2019, l’evento dedicato all’innovazione che si terrà alla Fiera di Roma dal 18 al 20 ottobre.

L’evento, giunto alla sua settima edizione, si aprirà con l’educational day, ovvero la giornata riservata alla visita di studenti provenienti da tutta Italia. L’anno scorso sono stati 27.000 i ragazzi che hanno partecipato.
Quest’anno sarà possibile visitare 7 padiglioni disposti su 100.000 mq di esposizione.

Lorenzo Tagliavanti – presidente della Camera di Commercio di Roma, che organizza la manifestazione attraverso Innova Camera – ha sottolineato come Maker Faire sia nata in anni difficili per l’imprenditoria italiana: “Sette anni fa abbiamo iniziato con l’idea di creare un evento che portasse l’evoluzione e la tecnologia al centro dell’attenzione per tutto l’anno. E’ una grande piattaforma e un momento di networking dove l’innovazione dall’alto incontra quella proveniente dal basso”, ha detto presentando l’iniziativa.
I temi che i visitatori potranno approfondire nel corso della manifestazione spazieranno dall’economia circolare alla manifattura digitale passando per l’edilizia sostenibile e la mobilità smart.

Luciano Mocci, presidente di Innova Camera, ha osservato come Roma possa essere considerata fra le città leader dell’innovazione mondiale: “Roma ha recuperato molto negli ultimi anni.
Qualitativamente le nostre start up non hanno nulla da invidiare ad altre città”, ha sottolineato, evidenziando come “il 14% delle 1046 start up nate a Roma siano al femminile”, mentre “il 31% sono formate da giovani stranieri”.

In tema di internazionalizzazione, Roberto Luongo, direttore generale dell’Ice, ha garantito che l’agenzia “porterà alla manifestazione 50 operatori stranieri invitati dagli USA e da altri paesi”.
L’innovazione tecnologica di quest’edizione sara’ declinata tramite la “Maker Art”, una rassegna di installazioni interattive di arte contemporanea, e Sportech, il padiglione dedicato allo sviluppo tecnologico dell’attività sportiva.

Tra i protagonisti ci saranno anche la robotica e l’intelligenza artificiale Per Alessandra Todde, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, “il governo ha una visione chiara del suo ruolo nella ricerca, bisogna regolamentare le sfere di un’innovazione molto rapida. E’ nostro dovere essere presenti e affiancare gli innovatori in questo processo”, ha detto il sottosegretario.

Secondo il vicepresidente della Regione Lazio, Daniele Leodori, per perseguire uno sviluppo tecnologico adeguato, bisogna seguire tre direttrici: “ricerca, innovazione e internazionalizzazione, tutte racchiuse all’interno del Maker Faire”. (Italpress)

Related posts

All’Università di Pisa nasce il Detect

Carmine Alboretti

Cardio-robotica, il futuro è già presente all’Humanitas Gavazzeni

Redazione

Terna e Legambiente insieme per modello Plastic Free

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni