venerdì, 23 Febbraio, 2024
Società

Il “Villaggio della Gioia” compie dieci anni

C’è un luogo in cui si impara a diventare genitori. Dove bambini che avrebbero rischiato di essere allontanati dalle famiglie, possono invece restare insieme alla loro mamma e al loro papà. È il “Villaggio della Gioia” della Comunità Papa Giovanni XXIII che in questi giorni compie dieci anni.

L’iniziativa viene portata avanti in collaborazione con i Tribunali dei minori e con i servizi sociali: in dieci anni sono state oltre 25 le famiglie che, per periodi più o meno lunghi, hanno trovato l’aiuto e il supporto necessari per affrontare e risolvere piccole e grandi difficoltà, evitando così l’allontanamento dei bambini al quale si arriva sempre per proteggerli e tutelarli.

“L’obiettivo – si legge in una nota stampa – è sperimentare un approccio differente, ospitando interi nuclei familiari ed evitando, quando possibile, il trauma della separazione”.

L’inaugurazione delle prime tre case è avvenuta  il 26 settembre 2009 alle porte di Forlì. Il presidente della Apg23, Giovanni Ramonda sottolinea che “in Italia sono circa 30mila i minori che vivono al di fuori della propria famiglia di origine; quando la serenità della famiglia e del bambino viene messa a rischio da situazioni di difficoltà o disagio, anche solo temporaneo, lo Stato utilizza solitamente l’Istituto dell’affidamento familiare”.

Nel “Villaggio della Gioia” bambini e ragazzi a rischio di allontanamento vengono invece accolti insieme ai loro genitori e l’intera famiglia viene accompagnata in un percorso di recupero. Si tratta di un progetto unico in cui si crea un “ambiente terapeutico”.

 

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Al via la ‘Banca dati di merito’: 3,5 milioni di provvedimenti on line

Francesco Gentile

Il governo e gli scienziati chiudono tutto.. meno che i tribunali..

Vittorio Supino

L’Italia va disincagliata

Giampiero Catone

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.