lunedì, 25 Ottobre, 2021
Giovani

Quella targa inchiodata dai giovani per amore a don Pino

Hanno appena ucciso un prete, uno di cui si sapeva poco o nulla visto che non passava da uno studio televisivo a un altro e non aveva sponsor di “visibilità”. Hanno ucciso un prete e tutti imparano il suo nome.

Hanno ucciso un prete che non era scomodo, assolutamente, bensì credibile e quindi silenziosamente incisivo nel contesto sociale dove viveva e spesso “non compreso “. L’hanno ucciso nel giorno del suo compleanno, un dono nel dono sino a divenire dono per tutti. Don Pino Puglisi indubbiamente continua a fare “notizia ” in una pagina di Vangelo che scuote le menti di chi crede e spesso non sa che la forza dell’annuncio di quel Kerigma di Speranza targato “Gesù Cristo” non risparmia nulla e nessuno.

Arrivo a Brancaccio, come docente, giorni dopo l’uccisione. Chiedo dove è stato ucciso il prete e mi reco in piazza Anita Garibaldi. A terra si intravede qualcosa: forse ancora tracce di un “sangue innocente”. Da quella visione una decisione. Daremo vita a un progetto formativo culturale dal titolo “Quando la paura non ci fa più paura”. Ai giovani l’idea piace ma ce chi vorrebbe partecipare e fa comprendere che trova un po’ di resistenza nel contesto socio/familiare. No problem. Tutto risolto. Chi non può mette insieme i risparmi e si compra una  targa incidere e da porre accanto al portone dove Padre Pino Puglisi è stato ucciso.

La dicitura è sotto gli occhi di tutti: “Il tuo coraggio nelle nostre azioni, la tua  semplicità nei nostri occhi – Nel Vangelo la nostra certezza e le note della nostra speranza. A Padre Puglisi noi giovani liberi. La mafia è forte ma Dio è Onnipotente “. Lui viene crivellato il quindici settembre del 1993, nell’aprile del 1994 viene inchiodata fortemente, volutamente e decisamente questa targa. “Ragazzi- dico con un po’ di rammarico- non facciamo che qualcuno la possa danneggiare?”. La risposta arriva unanime e corale “Prof. non la toccherà mai nessuno perché è frutto dei nostri risparmi e  del nostro amore a don Pino”:

La targa è ancora lì. L’ha pure vista e letta Papa Francesco quando ha fatto visita alla casa del “Beato” don Pino. Importante non dimenticare , importante dire con la vita da quale parte si sta, importante essere credenti credibili per divenire tanti chicchi di frumento pronti a diventare un solo Pane per sfamare chi ha fame di “Verità e Giustizia”.

Sponsor

Articoli correlati

La forza del volontariato. Sette milioni di cittadini di buona volontà che si dedicano agli altri

Giampiero Catone

Verso il nuovo anno

Giampiero Catone

Ridiamo voce ai tanti “Martiri”

Nicolò Mannino

Lascia un commento