lunedì, 20 Maggio, 2024
Attualità

Green Pass obbligatorio e mense. Il caso Abb. Fiom-Cgil: intervenga il Governo

I sindacati chiedono chiarimenti al Governo sul Green Pass e di come le imprese decidano in modo “unilaterale” le regole per i lavoratori. La richiesta arriva dopo un nuovo caso segnalato dalla Fiom-Cgil accaduto nella multinazionale Abb. La società ha comunicato attraverso un breve messaggio inviato telefonicamente ai coordinatori nazionali di Fim, Fiom e Uilm la decisione aziendale di consentire l’ingresso nelle mense degli stabilimenti del gruppo solo ai dipendenti in possesso della certificazione verde Covid-19.

“Per coloro che non sono in possesso del Green pass”, rivela il sindacato, “Abb metterà a disposizione un lunch-box (sacchetto) da consumare conformemente alle norme sul distanziamento e secondo le disposizioni che l’azienda definirà nei diversi siti aziendali”.

DECISIONE UNILATERALE
Questa decisione, rimarca la Fiom-Cgil, è stata presa da Abb senza nessuna consultazione sindacale e “tantomeno nessun confronto con i Comitati Covid aziendali, che vedono anche la presenza sindacale, che in tutti questi mesi, nonostante le difficoltà e le incertezze normative e sanitarie hanno consentito ai lavoratori di lavorare in sicurezza e all’azienda di continuare a produrre con assoluta regolarità”.
RICHIESTE DISATTES
Secondo il Coordinamento sindacale nazionale di Fim-Fiom-Uilm è stato più volte chiesto all’azienda di definire un protocollo di norme utile a gestire la grave fase pandemica che ha colpito molti lavoratori, “ricevendo un continuo rifiuto da parte aziendale”, scrive la Fiom.

“I Comitati Covid in questo caso non possono essere ritenuti responsabili di una scelta presa in assoluta autonomia da Abb”,  in più secondo la Fiom la decisione della società non avrebbe basi giuridiche perché
“prendendo a riferimento una Faq ministeriale che, come definito recentemente dalla giurisprudenza, non ha alcun valore giuridico”.

IL GOVERNO CHIARISCA
La decisione sarebbe per la Federazione operai metalmeccanici “in contrasto con lo spirito di confronto e di condivisione”. “Tali decisioni unilaterali”, sottolinea la Fiom, “seppur in un contesto normativo non chiaro – motivo per il quale continuiamo a chiedere al Governo un pronunciamento chiaro ed esplicito – rischiano di produrre tensioni e discriminazioni tra lavoratori generando differenze di trattamento rispetto a materie delicate”.

“Chiediamo pertanto”, sollecita Mirco Rota, coordinatore del Gruppo Abb per la Fiom nazionale, “che in ogni sito venga sospesa questa decisione unilaterale; vengano immediatamente convocati i Comitati aziendali Covid per trovare soluzioni adeguate senza escludere il costante tracciamento attraverso i tamponi a carico dell’azienda in linea con quanto previsto sul Green pass”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Coronavirus è minaccia alla sicurezza dello Stato non solo emergenza sanitaria

Giuseppe Mazzei

Attendendo le regionali

Giampiero Catone

Feste e mezzi pubblici, nuova stretta. Green Pass 6 mesi, richiamo anticipato

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.