domenica, 26 Settembre, 2021
Ambiente

59 Comuni rurali Spighe Verdi. Qualità della vita e attenzione all’ambiente

Sono 59 le località rurali che potranno fregiarsi, in questa sesta edizione, del riconoscimento Spighe Verdi 2021, rispetto alle 46 dello scorso anno: 18 sono i nuovi ingressi, 5 i Comuni non confermati. Il riconoscimento è stato annunciato ai sindaci vincitori dalla FEE – Foundation for Environmental Education, (la stessa fondazione che assegna me Bandiere blu).

 

QUALITA’ DELLA VITA 

Spighe Verdi è un programma nazionale pensato per guidare i Comuni rurali, passo dopo passo, a scegliere strategie di gestione del territorio in un percorso virtuoso che giovi all’ambiente e alla qualità della vita dell’intera comunità. Per portare i Comuni rurali alla graduale adozione dello schema Spighe Verdi, FEE Italia ha condiviso con Confagricoltura un set di indicatori in grado di fotografare le politiche di gestione del territorio.

“Come dimostra l’esperienza delle Bandiere Blu, la qualità premia sempre. Quindi, ben vengano le Spighe Verdi”, spiega il Ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, “un marchio che potrà premiare quelle aree del territorio, magari meno conosciute e lontane dai flussi turistici, ione di ricchezza della zona. Affinché il programma raggiunga il massimo del risultato”, spiega la Confagricoltura, “sono necessari due elementi essenziali: la volontà dell’Amministrazione comunale di iniziare un percorso di miglioramento e la partecipazione della comunità e delle imprese”.

Nel gruppo di lavoro è stato importante il contributo di diversi Enti istituzionali, tra i quali il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali; il Ministero per il Turismo; l’ISPRA e Confagricoltura.

 

AGRICOLTURA E BENESSERE

Alcuni indicatori presi in considerazione sono stati: la partecipazione pubblica; l’educazione allo sviluppo sostenibile; il corretto uso del suolo; la presenza di produzioni agricole tipiche, la sostenibilità e l’innovazione in agricoltura; la qualità dell’offerta turistica; l’esistenza e il grado di funzionalità degli impianti di depurazione; la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla raccolta differenziata; la valorizzazione delle aree naturalistiche eventualmente presenti sul territorio e del paesaggio; la cura dell’arredo urbano; l’accessibilità per tutti senza limitazioni.

 

LOCALITA’ RURALI VIRTUOSE

“Registriamo quest’anno un importante aumento delle località Spighe Verdi”, racconta Claudio Mazza, presidente della FEE Italia, “Non solo per i Comuni rurali che ottengono oggi la certificazione, ma anche per tutti i territori che hanno chiesto di avviare il percorso. Da Nord al Centro e al Sud, segno che l’attenzione e l’impegno per uno sviluppo sostenibile del territorio, “Il costante aumento del numero dei Comuni ‘Spighe Verdi’”, sottolinea Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, “dimostra che cresce di anno in anno la sensibilità verso la sostenibilità, l’economia circolare, la valorizzazione dei prodotti tipici, l’accoglienza, ovvero i temi che caratterizzano il programma di FEE, al quale Confagricoltura collabora con convinzione dalla prima edizione”.

 

PREMIATA LA SOSTENIBILITA’

“Oggi la sostenibilità economica, ambientale e sociale rappresentano i cardini del dibatto in materia di Next Generation EU e di riforma della PAC”, osserva il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Stefano Patuanelli.

 

I COMUNI RURALI PREMIATI

Le Spighe Verdi 2021 sono state assegnate in 14 Regioni. Cresce il Piemonte che arriva a ottenere il maggior numero di riconoscimenti con 10 Spighe Verdi: Alba, Bra, Canelli, Centallo, Cherasco, Guarene, Monforte d’Alba, Pralormo, Santo Stefano Belbo, e Volpedo. Subito dopo le Marche, con 9 località premiate: Esanatoglia, Grottammare, Matelica, Mondolfo, Montecassiano, Montelupone, Numana, Senigallia, Sirolo; segue la Toscana con 7 riconoscimenti: Bibbona, Castellina in Chianti, Castiglione della Pescaia, Castagneto Carducci, Fiesole, Grosseto, Massa Marittima. Con 6 località seguono la Calabria e la Puglia. Per la Calabria: Belcastro, Montegiordano, Roseto Capo Spulico, Santa Maria del Cedro, Sellia, Trebisacce. Per la Puglia: Andria, Bisceglie, Castellaneta, Carovigno, Ostuni, Troia. Con 5 località segue il Lazio: Canale Monterano, Gaeta, Pontinia, Rivodutri, Sabaudia. La Campania riceve 4 riconoscimenti Spighe Verdi: Agropoli, Capaccio Paestum, Massa Lubrense, Positano. Seguono Abruzzo e Umbria con 3 Spighe Verdi. Per l’Abruzzo: Gioia dei Marsi; Giulianova, Tortoreto; per l’Umbria: Deruta, Montefalco, Todi. Il Veneto vanta due località: Montagnana e Porto Tolle. Vi è un Comune rurale Spiga Verde in Emilia-Romagna (Parma), in Liguria (Lavagna), in Lombardia (Sant’Alessio con Vialone) e in Sicilia (Ragusa).

Sponsor

Articoli correlati

Prodotti agricoli costi in altalena. Prezzi su nei negozi, vendite di realizzo nei campi

Giovanna M. Piccinino

Riparte da Napoli la formazione in Agricoltura di Uci (unione coltivatori italiani) 

Redazione

Agricoltura. Dopo il Covid boom di giovani che chiedono l’assegnazione di terreni. Coldiretti: l’ora dei contadini hi-tech

Angelica Bianco

Lascia un commento