sabato, 19 Giugno, 2021
Regioni

Da consiglio Lombardia 5 milioni a scuole e formazione

MILANO (ITALPRESS) – Il Consiglio regionale della Lombardia stanzia oltre 5 milioni di euro di avanzo di amministrazione alle scuole primarie e agli istituti di formazione professionale dei Comuni con meno di 5mila abitanti per l'acquisto di materiale tecnologico. Sui complessivi 5 milioni 3,2 derivano dal taglio dei vitalizi degli ex consiglieri regionali. "Per la prima volta abbiamo un residuo particolarmente alto, che in parte deriva dal risparmio sui vecchi vitalizi- spiega il presidente del Consiglio lombardo Alessandro Fermi-. Come ufficio di presidenza abbiamo scelto di destinarlo alle scuole perché è un tema trasversale che ha raccolto l'appoggio di tutti i partiti che compongono l'aula consiliare, così come quello dell'informatizzazione tecnologica degli istituti scolastici, soprattutto in questo periodo di pandemia". Sono 803 i Comuni coinvolti e l'obiettivo, continua Fermi, è quello di omogeneizzare "le dotazioni tecnologiche in tutto il territorio regionale, poiché, come emerge da un censimento, i piccoli comuni di alcune aree rurali e di montagna hanno meno risorse, e quindi fanno fatica a sostenere questo tipo di mezzi nelle scuole". Ricordando che oltre 3 milioni di euro derivano dal taglio dei vitalizi, Fermi evidenzia che "è un segnale positivo quello di usare i risparmi dei costi della politica per le giovani generazioni". Una parte delle risorse, conclude il presidente del Consiglio lombardo, "verrà destinata agli enti accreditati del sistema formativo regionale, che sono stati un po' abbandonati dai vari ristori destinati al mondo della scuola, ma che continua a fare un grande sforzo di preparazione verso il mercato del lavoro e con questo gesto concreto li sosteniamo". (ITALPRESS). fmo/pc/red 11-Mag-21 13:21

Sponsor

Articoli correlati

Puglia, presentato il premio letterario “Stefano Fumarulo”

Redazione

Spesa farmaceutica ospedaliera oltre il tetto di 2 miliardi

Francesco Gentile

Gualtieri “voglio far ripartire Roma”

Redazione

Lascia un commento