venerdì, 25 Giugno, 2021
Motori

I veicoli concept ultra-performanti dell’Easter Jeep Safari

La potenza elettrificata e le prestazioni "elettrizzanti" degli attuali motori a combustione interna si combinano a capacita' off-road, liberta' e divertimento di guida: sono questi gli ingredienti fondamentali dell'Easter Jeep Safari di quest'anno. I team del marchio Jeep e Jeep Performance Parts hanno nuovamente unito le forze per creare una gamma di veicoli concept personalizzati che andranno alla conquista degli iconici tracciati del Moab (Utah). Appassionati di fuoristrada provenienti da tutto il mondo si incontreranno dal 27 marzo al 4 aprile per prendere parte ad una lunga settimana di vacanza all'insegna della guida off-road piu' tecnica su alcuni dei tracciati piu' suggestivi e impegnativi della regione. "L'Easter Jeep Safari di Moab e' stato a lungo il terreno di prova per ogni nuovo modello Jeep 4×4, oltre che il palcoscenico per la presentazione di nuovi concept Jeep, nuove Jeep Performance Parts e idee creative che sono fortemente attese dai nostri clienti piu' entusiasti, ovvero gli irriducibili appassionati di fuoristrada che ogni anno prendono parte a questo evento", ha affermato Jim Morrison, Vice President, Jeep Brand North America. "Il Safari di quest'anno punta i riflettori su cio' che rende i veicoli Jeep unici e innegabilmente performanti: una varieta' di gruppi propulsori che offrono potenza, prestazioni, coppia e soprattutto divertimento. Gli impegnativi tracciati del Moab sono validi avversari per i nostri concept su base Jeep Wrangler e Jeep Gladiator. Ognuno dimostrera' come le leggendarie capacita' 4×4 del marchio Jeep sono in grado di dominare ogni terreno." Quest'anno, i sette distintivi concept Jeep realizzati con Jeep Performance Parts sono dotati di una gamma di propulsori avanzati e potenti, a cui si aggiunge in anteprima assoluta il primo veicolo elettrico a batteria (BEV) del marchio Jeep, un altro importante passo nella "Road Ahead", la roadmap che lo portera' ad essere il brand di SUV piu' green al mondo. Inoltre, i veicoli concept presentati quest'anno montano un'ampia selezione di Jeep Performance Parts (JPP) by Mopar, sia prototipi che di produzione, sviluppati in conformita' con rigorose specifiche tecniche e in linea con la leggendaria capability off-road del brand. "Moab e' la cornice perfetta per presentare la nostra piu' recente selezione di Jeep Performance Parts (JPP) by Mopar", ha affermato Mark Bosanac, North America Vice President, Mopar Service, Parts & Customer Care. "A differenza di altre offerte aftermarket, i nostri Jeep Performance Parts ufficiali sono stati specificatamente creati e progettati per adattarsi perfettamente alle specifiche, alla forma e alla funzionalita' dei veicoli Jeep". I veicoli concept sviluppati per l'edizione 2021 dell'Easter Jeep Safari sono: Jeep Magneto, il concept della Jeep Wrangler BEV ha un carattere sostenibile, silenzioso e inarrestabile nell'affrontare ostacoli rocciosi. Jeepster Beach: aggiornamento del Jeepster Commando (C-101) del 1968, e' un pezzo da esposizione con look 'tubulare' che coniuga una carrozzeria vintage e motopropulsore moderno. Jeep Red Bare: non ci sono dubbi, questo concept custom della Gladiator Rubicon combina leggendarie capacita' 4×4 e rapporto di riduzione di 91:1, con l'efficienza e l'autonomia del motore diesel. Jeep Orange Peelz: un tributo allo stile di vita avventuroso, al divertimento e alla liberta' di guida open-air che fa della Jeep Wrangler un'icona globale. Tre concept realizzati dai marchi Jeep e Mopar nel corso del 2020 arrivano a Moab per la prima volta: si tratta della Jeep Gladiator Farout un veicolo 'overland' per andare ovunque, la potente Jeep Wrangler Rubicon 392 ad alte prestazioni e la Jeep Gladiator Top Dog per gli amanti della mountain bike estrema. (ITALPRESS). tvi/com 23-Mar-21 15:42

Sponsor

Articoli correlati

DS 3 Crossback ora piu’ elegante e con motori piu’ efficienti

Redazione

Horizon Automotive, nasce il garage virtuale per il noleggio

Redazione

Suzuki, ibrido garantito fino a 10 anni o 250.000 km

Redazione

Lascia un commento