martedì, 22 Giugno, 2021
Economia

Alleanza Cooperative. Lusetti: Cassa integrazione, proroga necessaria. Licenziamenti graduali e ammortizzatore unico

Uscire dalla cassa integrazione? Non è possibile, il 31 marzo data da rivedere, magari con un metodo graduale. Mentre il Governo Draghi è alle prese con le decisioni, i cui ritardi vengono per ora sottolineati come “approfondimenti”, il vastissimo mondo della Cooperazione, ha già deciso, la Cassa integrazione per le aziende in crisi, deve continuare. Lo scrive Alleanza Cooperative, lo ribadisce il Presidente Mauro Lusetti e con lui i Copresidenti Maurizio Gardini e Giovanni Schiavone.

In sintesi queste le proposte: prorogare la cassa integrazione Covid oltre la scadenza attuale; attivare subito nuovi e più efficaci strumenti di politiche attive; avviare, alla fine dell’emergenza, una riforma degli ammortizzatori sociali in direzione di un ammortizzatore unico, in grado di superare limiti e differenze degli strumenti attuali; prevedere un percorso graduale di allentamento del divieto di licenziamento, che si ponga in alternativa al ricorso agli ammortizzatori sociali.

“Le difficoltà che investono l’economia del Paese”, dicono Lusetti Gardini e Schiavone, “continuano a far sentire i loro pesanti riflessi sull’attività delle imprese e sull’occupazione; pensiamo, perciò, che dal divieto di licenziamento in scadenza il 31 marzo sia opportuno uscire attraverso un percorso graduale, prevedendo un regime differenziato: impossibilità di licenziare per le imprese che utilizzano gli ammortizzatori Covid, possibilità di farlo per quelle che non li usano.

Va anche previsto l’affiancamento di specifiche politiche attive, promuovendo strumenti che favoriscano, ove possibile, prepensionamenti in ottica di ricambio generazionale e attivando una collaborazione diretta tra Centri per l’impiego e azienda”.

Per rendere effettivo questo percorso graduale, è necessario, secondo l’Alleanza delle Cooperative, estendere oltre le attuali scadenze l’intervento degli ammortizzatori sociali Covid seppur contenuto nel tempo e in modo differenziato in relazione a situazioni aziendali e di settore.

“È necessario attivare da subito nuovi e più efficaci strumenti di politiche attive in termini di ricollocazione, formazione, riqualificazione dei lavoratori”, propongono Lusetti, Gardini e Schiavone, “immaginando un’interazione tra pubblico e privato, anche attraverso il supporto delle agenzie di somministrazione, nel processo di ricollocazione. Sarebbe anche opportuno valorizzare percorsi di autoimprenditorialità in forma cooperativa, in particolare sostenendo con specifiche politiche fiscali o contributive l’esperienza dei workers buyout, uno strumento che consente di dare risposta a crisi aziendali salvaguardando occupazione, competenze, patrimoni produttivi”.

In merito alla riforma complessiva degli ammortizzatori sociali, da calendarizzare ad emergenza finita, l’Alleanza delle Cooperative auspica la definizione di un ammortizzatore sociale unico, che ampli la platea dei soggetti attualmente garantiti, con un mix di politiche contributive, assicurative e mutualistiche, alimentato da tutte le imprese e, in quota parte, dai lavoratori, e con aliquote di costo progressive che scoraggino usi strumentali. Infine, tale strumento, dovrebbe coesistere sia con le attività lavorative che con quelle di formazione e riqualificazione professionale.

Su quota 100, l’Alleanza delle Cooperative sottolinea come le domande pervenute siano di gran lunga inferiori alle stime iniziali e ribadisce l’opportunità che l’accesso del lavoratore a questa opzione possa essere anche incentivata economicamente in forma diretta dalle imprese, prestando particolare attenzione alle fasce più vulnerabili. Da questo punto di vista si potrebbero immaginare meccanismi di  potenziamento di alcuni strumenti, come ad esempio la R.I.T.A. (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata).

Sponsor

Articoli correlati

Infermiere di famiglia: figura inutile, crea solo confusione

Angelica Bianco

Decreto d’agosto. Governo alle strette con il rebus blocco licenziamenti

Maurizio Piccinino

Nella conferenza stampa sul Sostegni-bis la politica sociale di Draghi

Piccinino

Lascia un commento