martedì, 7 Dicembre, 2021
Società

“La vera Corleone brucia di amore a Dio “

Una mano munita di “odio fidei”, del non senso, oscurata dalla non fede verso niente e nulla, ha agito nel buio della notte in una città che sta facendo un cammino di fede e di riscatto ponendo all’ingresso del paese la meravigliosa statua di San Francesco. Stiamo parlando di Corleone, terra che ha dato alla chiesa figure di Santi fortemente ancorati al Vangelo della carità.

Corleone, città che merita adesso di essere illuminata dalla bellezza di tanti bambini, di giovani che credono nel sacrificio del Cristo morto e risorto, che amano i sani principi del vivere in unità senza odio, violenza e rancore. Corleone, terra di un impegno che richiama la bellezza di una diocesi monrealese guidata nel vivere il Vangelo delle Beatitudini da Mons. Michele Pennisi, autentico testimone di una fede senza ma e senza se. Corleone, oggi offesa, ferita, umiliata da chi sa solo agire nel buio della notte e non avrà mai pregato le espressioni di gioia del Salmista “Quale gioia quando mi dissero andremo alla Casa del Signore e oggi i nostri piedi si fermano alle tue porte Gerusalemme”: Non è Gerusalemme ma Corleone. Non un inno di gioia ma fiamme di odio.

Ma la vera Corleone non è questa: Corleone è fede, riscatto, bellezza, fraternità, unità nella lode al Dio della Vita. Siamo vicini a tutta la Comunità Ecclesiale in queste ore di prova e di grande offesa al “credo ” di tanti che nella quotidianità e nel silenzio agiscono a  favore di una  cultura di amore ai veri valori della vita a partire dalla fede che alimenta l’agire di ogni credente.

Tutti noi facciamo corona introno alla Chiesa della Diocesi di Monreale, con a capo la nostra guida spirituale Mons. Michele Pennisi che tanto fa con zelo e costanza per avvicinare i cuori più induriti verso la fede e l’azione di Evangelizzazione che , se proprio deve bruciare, lo fa col fuoco della carità, della preghiera e dell’azione quotidiana  alla luce del Kerigma Pasquale. Forza Corleone, non mollare, ritorna a dare testimonianza della tua fede e se solo una mano ha agito nel buio della notte, tu alza le mani alla luce dei giorno per cantare la bella Corleone che ama Dio e si allontana da ogni gesto di odio. Corleone riprendi il Vangelo e ponilo al centro della tua vita. Canta la bellezza dell’amore e della carità e ovunque sii orgogliosa di essere “terra di Santi.

Sponsor

Articoli correlati

Maltempo, primo temporale con allagamenti e disagi nel palermitano

Francesco Gentile

Messaggio di Mons. Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale nel XXV Anniversario dell’uccisione di per Giuseppe Di Matteo

Nicolò Mannino

Nella Guardia di Finanza di Corleone per vivere la legalità

Nicolò Mannino

Lascia un commento