venerdì, 30 Luglio, 2021
Cultura

Libri, un Giulio Andreotti inedito quello che ci racconta Mario Nanni in “Parlamento Sotterraneo”

Come e quando Andreotti capì di avere un avvenire di battutista.  Dal 12 novembre in tutte le librerie.
Giovane universitario, il ‘’divo Giulio’’ un giorno in autobus subì una tremenda pestata da un uomo anziano che gli era passato accanto. ‘’ Mi scusi giovanotto, ma sono un invalido di guerra’’. La replica Andreotti fu immediata:’’ Io la scuso, signore, perché non l’ha fatto apposta. Ma se tutti gli invalidi di guerra dovessero passare sui miei piedi, starei fresco”. ‘’ Molti viaggiatori risero, ma io non capii perché”, raccontò anni dopo a chi scrive l’ex presidente del Consiglio. Ma da quel giorno Andreotti capi’ di avere una verve battutistica che lasciava il segno, si accorse cioè di avere la capacità di pronunciare all’impronta quelli che i francesi chiamano ‘’ bon mot’’. Fu l’inizio di una lunga serie di battute di spirito diventate celebri (‘’il potere logora chi non ce l’ha’, ad esempio), e altre meno famose, ma ugualmente citate, spesso a sproposito, anche nelle conversazioni della gente comune. O, ancora, battute che egli copiò da un cardinale ma diventarono ‘’ andreottiane ‘’. Questo e altri aspetti della personalità e della vita di Andreotti, compreso un profilo in filigrana, sono raccontati nel nuovo libro di Mario Nanni, “PARLAMENTO SOTTERRANEO, miserie e nobiltà, scene e figure di ieri e di oggi”. Rubbettino editore, pagg 230, 16 euro. Il libro dal 12 novembre sarà nelle librerie, sulle piattaforme on line Amazon, Feltrinelli, ecc. Ed è già disponibile sul sito dell’editore Rubbettino. 
Sponsor

Articoli correlati

La Discussione: Auguri Italia con più lavoro, più bebè e anziani meno soli. Dal 1960 di Fanfani al 2020 Conte. Lezione sul coraggio di progettare politiche concrete

Giampiero Catone

Per Skill On Air 4 nuovi format, si parte con Mario Nanni

Barbara Braghin

Il libro. Mario Nanni e il “Parlamento sotterraneo”. La vera storia di scelte, accordi e disaccordi, amicizie e tradimenti. Da un grande cronista l’affresco di una Italia politica e istituzionale che cambia

Giulia Catone

Lascia un commento