mercoledì, 28 Ottobre, 2020
Salute

Indossate il cervello prima ancora della mascherine: istruzione per l’uso

Sponsor

Record di contagi in Campania. Eh sì, la Campania del Governatore “sceriffo” Vincenzo De Luca. Perchè? Perché le regole non bastano. È un discorso che prescinde il diritto e le sue norme. La ragionevolezza rimane l’elemento discriminante.

O sei una persona che usa buon senso e attenzione ed evita feste e altre riunioni e assembramenti eccessivi, o mascherina (non chirurgica come è un ffp2) su o giù cambierà pochissimo, non difendono dai contagi come si crede.

Dunque indossate prima il cervello e poi la mascherina, funzionerà eccome. Ma se andrete a fare lo struscio o salirete su bus affollati poco cambierà.

Se ci fosse il tampone per i cretini, sai quanti positivi uscirebbero in Italia! E a proposito di tamponi.

Ci disse il virologo Giulio Tarro: “Fare i tamponi non aiuta, troviamo principalmente asintomatici, 9 su 10. Assistiamo adesso alla diffusione non della patologia del Coronavirus ma alla resistenza anticorpale per la stessa malattia. La situazione è molto diversa rispetto a quella che abbiamo vissuto a marzo. Da noi l’emergenza è finita e quella che stiamo vivendo è la fase della cosiddetta immunità di gregge”.

E’ davvero così? La medicina si divide. Per Andrea Crisanti, virologo e direttore della microbiologia di Padova, intervistato dall’Ansa non è proprio tutto così semplice: «Parlare di mascherine, solo di mascherine sì o mascherine no, non va bene, servono invece più interventi del Governo di sorveglianza e prevenzione: lo stop al virus non arriva solo dall’uso di mascherine o dalla riduzione degli orari dei locali pubblici o dei trasporti, servono più tamponi, implementazione dell’app Immuni, tutte cose che potrebbero essere fatte con i fondi del Mes».  «Non si può pensare che l’argine al virus possa essere fatto solo con i divieti imposti ai cittadini», ragiona Crisanti.

E allora indossate il cervello prima ancora della mascherina. E usate ulteriori prudenze.

(Lo_Speciale)

Articoli correlati

Sanità privata. De Rango: Regioni e associazioni di categoria ci dicano perché i nostri stipendi sono la metà di quelli del servizio pubblico

Gianluca Migliozzi

Se il Covid arriva in aereo. Ma invece dei lockdown, le chiusure degli aeroporti a rischio?

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni