venerdì, 23 Ottobre, 2020
Economia

Previdenza; eletti a Napoli i delegati per la Cassa dei dottori commercialisti

Sponsor

Ecco la nuova ‘pattuglia’: Mario Michelino, Maria Caputo, Carmen Padula, Liliana Speranza e Carlo Fiorentino.

NAPOLI – I commercialisti napoletani Mario Michelino, Maria Caputo, Carmen PadulaLiliana Speranza e Carlo Fiorentino rappresenteranno la ‘pattuglia partenopea’ dei delegati alla Cassa di previdenza dei dottori commercialisti. E’ questo il risultato emerso al termine delle elezioni che si sono svolte presso l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, presieduto da Vincenzo Moretta.

“Dalle urne è arrivato un segnale che riteniamo importante: bisogna continuare sulla strada della trasparenza e del rinnovamento. Serve una Cassa di previdenza più attenta alle esigenze dei propri iscritti – ha sottolineato Moretta -, a maggior ragione in questo periodo storico senza precedenti: visione ad ampio raggio, unità d’intenti, grande ascolto alle difficoltà di tutti. I risultati elettorali vanno in questa direzione, ed è d’altronde la stessa strada che sta percorrendo l’attuale consiglio dell’Ordine di Napoli”.

“Formulo gli auguri di buon lavoro ai neo eletti – aggiunge il numero uno dei commercialisti partenopei -. Il programma che è stato presentato è di un’azione moderna e ambiziosa, legato all’emergenza provocata dalla pandemia, che rischia di mettere in ginocchio la categoria e, più in generale, alle tradizionali problematiche della gestione dell’Ente previdenziale. Sono certo che sapranno essere un punto di riferimento e di confronto per tutti gli iscritti che rappresentano”.

Le operazioni di voto, che hanno registrato quasi 1500 elettori al seggio di piazza dei Martiri, si sono svolte in un clima di grande serenità – ha concluso Moretta – e nel pieno rispetto delle normativa per evitare il contagio del Coronavirus Covid-19”.

Articoli correlati

L’autunno che verrà

Diletta Gurioli

La vita davanti: donne e lavoro ai tempi del Covid

Luca Sabia

Una scuola precaria che neppure il Covid è riuscito a stabilizzare

Nicolò Mannino

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni