domenica, 25 Luglio, 2021
Economia

Viticoltura, bandi per 13,7 mln di euro per sostenere la competitività dei vini e delle cantine del Veneto

La Regione Veneto è pronta ad indire bandi per 13,7 milioni di euro a sostegno del settore vitivinicolo.  Si tratta dei contributi per investimenti del Piano nazionale di sostegno al settore vitivinicolo per rimpianti di trasformazione e commercializzazione del vino per migliorare il rendimento delle imprese e la loro competitività sui mercati nazionali e internazionali.

“La novità di quest’anno – anticipa l’assessore regionale all’Agricoltura, presentando la delibera approvata oggi dalla Giunta e di prossima pubblicazione sul Bur – è la durata dei bandi, che saranno biennali: il termine ultimo per la presentazione delle domande sarà il 15 novembre 2020, ma le aziende avranno tempo per concludere e rendicontare gli interventi fino al 31 marzo 2022. Considerata la particolare fase che sta vivendo il settore e la complessità degli investimenti ci sembra un aiuto concreto ad un settore che fa da traino a tutto l’agroalimentare ‘made in Italy’”.

L’aiuto è destinato ad investimenti strutturali e per dotazioni effettuati dalle imprese che operano nel settore della trasformazione e commercializzazione del vino. L’aliquota massima di sostegno è fissato al 40% della spesa sostenuta per gli investimenti. Il contributo sarà erogato in due tranche: un anticipo pari all’80% a valere sulle risorse 2021, mentre il restante 20% sarà erogato a saldo, a valere sulle risorse 2022, nella prospettiva che la dotazione comunitaria per gli aiuti al settore vitivinicolo sia confermata anche nella prossima programmazione 2021-2027.

Come per i bandi degli anni precedenti potranno accedere ai contributi sia le aziende agricole che le imprese di trasformazione e commercializzazione, distinguendo due azioni specifiche. Il budget disponibile, pari a 13.685.957 euro, sarà ripartito equamente tra le due azioni assegnando indicativamente a ciascuna l’importo di euro 6.842.978.

Al fine di garantire il pieno utilizzo delle risorse assegnate, qualora, nell’ambito di una azione risultassero degli importi residui a seguito del finanziamento di tutte le domande ammesse, questi saranno destinati all’azione in cui i fondi stanziati risultassero insufficienti per finanziare tutte le domande ammesse.

Sponsor

Articoli correlati

Venezia, Conferenza delle Regioni sugli impianti da sci

Barbara Braghin

Soffre mercato asparago, prospettive per quello mondiale

Angelica Bianco

Fisco, a Gennaio calo di entrate tasse e contributi del -5,8%

Redazione

Lascia un commento