giovedì, 22 Febbraio, 2024
Macroregione Mediterranea
Società

Macroregione Mediterranea: la multiculturalità che diventa risorsa

La costituita Macroregione Mediterranea non rappresenta solo una grande opportunità per rendere il cittadino protagonista. La Macroregione Mediterranea rappresenta un nuovo approccio di coesione tra i popoli che si affacciano sul Mediterraneo. Di base è un grande cambiamento verso un nuovo atteggiamento nei confronti del territorio che ci circonda. Molti popoli sono stati riuniti sotto l’ala della Macroregione Mediterranea e così anche le loro culture e tradizioni. Il grande dispendio di energia per adattarsi ad un nuovo equilibrio superiore si concretizza nel realizzare una collaborazione e profonda accettazione reciproca tra popoli distanti e culturalmente differenti. Ciò che lega tutte queste anime è la voglia di crescere, di creare nuove opportunità dettate dal principio secondo il quale l’unione fa la forza. È vero infatti che quelle che possono essere colte ad un primo sguardo come diversità non sono altro che nuovi spunti di crescita.

La religione, la cultura e la vita quotidiana fanno parte del nostro tessuto sociale che noi viviamo giorno dopo giorno come fosse l’unico possibile. La nostra cultura ci accompagna da quando siamo nati e costituisce per noi la normalità. Per ogni popolo di ogni territorio in ogni angolo del mondo questa realtà è rappresentata come vera. Non esiste un’unica normalità, ma ne esistono moltitudini dettate dai paradigmi sociali di ogni popolo. Ciò che ci rende forti è saper riconoscere che tale normalità è relativa e legata ad ogni cultura.

Avere trovato una connessione con i popoli del Mediterraneo e quindi sentirsi davvero parte della Macroregione Mediterranea si lega ad una profonda accettazione reciproca di ogni normalità legata alle tradizioni autoctone. Possiamo imparare molto dai popoli e dalla loro cultura così come possiamo insegnare molto della nostra società. Il nodo importante è porsi in una condizione di profondo rispetto verso ogni concezione che può essere differente dalla nostra. Diverse culture non per forza devono dividere. Semmai possono riunire, accrescere e rinforzare la voglia di coesione.

Molto può esserci insegnato dalla comprensione verso altre culture. Ci si muove insieme verso obiettivi comuni, ognuno secondo i propri mezzi e secondo le proprie tradizioni avendo come motore comune la voglia di comprendere ed essere compresi. Il rispetto per ogni essere umano e l’accettazione di ideali diversi ci rende liberi e ci rende anche dei grandi esempi di umanità per i nostri figli e per le generazioni future. La Macroregione Mediterranea riunisce i popoli e lavora per la coesione tra di essi rendendoli un unico grande cuore.

Occorre vincere i concetti restrittivi di giudizio nei confronti di culture considerate lontane dalle nostre. Nel mondo odierno la diversità viene rimarcata e usata per dividere le culture creando pregiudizi e allontanando i popoli. Vincere questo limite ci permette di agire uniti secondo un fine comune, ovvero quello di puntare al benessere di tutti i territori che si affacciano sul Mediterraneo. La Macroregione Mediterranea si muove secondo principi innovativi di conoscenza, comprensione e coesione, avendo creato un unico grande territorio, il quale mantiene l’unicità di ogni sua cultura senza fare discriminazioni.
Raggiungere questo nuovo equilibrio superiore ci ha reso forti e permette oggi ai popoli di sostenersi a vicenda senza temere rivalità o prevaricazioni di alcuna natura. Se tutti i popoli stanno bene il livello di benessere collettivo aumenta esponenzialmente.

Noi abbiamo messo le radici e abbiamo creato un legame tra i territori che si radica sempre più fortemente nei cuori e nelle menti dei cittadini di tutti il bacino Mediterraneo.

In questo modo ciò che nasce da questa azione è una sinergia forte che sta dando grandi frutti nel presente e ancora più nell’imminente futuro.

Siamo consapevoli di aver creato un sistema che unisce le persone anche se appartenenti a diverse culture. Diamo ora, con la Macroregione Mediterranea, un grande esempio di civiltà e di intelligenza alle nuove generazioni che ci osservano e permettiamo loro di vivere in un modo libero dove ogni differenza culturale può essere uno spunto di reciproca crescita e unione.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

L’Italia fragile che non conosce vacanza

Angela Marchese*

Aumenta la povertà. La politica dia risposte

Giampiero Catone

Un orizzonte povero di bambini

Antonio Falconio

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.