martedì, 1 Dicembre, 2020
Società

Scuola: Anief “obiettivo tornare a classi a misura d’uomo”

Sponsor

Awelco

Le modifiche al numero di allievi per aula e agli organici del personale, sono previste da un emendamento al Dl Rilancio già approvato dalla V commissione della Camera, sul quale domani potrebbe essere votata la fiducia per l’approvazione del testo definitivo. Per Marcello Pacifico, presidente dell’Anief “l’obiettivo da porsi, tutti assieme, è quello di tornare a delle scuole a misura d’uomo, creando classi con al massimo 15 alunni e assumendo 200 mila docenti e Ata nuovi. Questi emendamenti, seppure depotenziati, vanno in direzione della proposta dello stesso M5S che prevede la formazione di classi con più di 22 alunni e 20 in presenza di alunni disabili, primo firmatario l’attuale ministro Azzolina. Con numeri ancora più ridotti nelle zone colpite dal coronavirus. Sugli organici noi abbiamo chiesto l’assunzione di 150-160 mila docenti, per coprire posti vacanti e turn over tramite le nuove graduatorie di istituto trasformate in provinciali, più almeno 40 mila unità di personale Ata aggiuntive: in un colpo solo, considerano anche la stabilizzazione di tutti i Dsga facenti funzione e degli educatori precari, si risolverebbero i problemi di gestione del ritorno in classe a settembre e si risponderebbe pure alla sentenza Rossato della Corte di Giustizia europea sui risarcimenti danni sull’abuso dei contratti a termine”.

“Lo abbiamo scritto preventivamente al ministero dell’Istruzione e detto al premier Giuseppe Conte, a Villa Pamphilj, durante gli Stati Generali, oltre che alle sigle sindacali europee incontrate da Anief in Commissione UE. E’ chiaro – aggiunge Pacifico – che i 50 mila indicati sinora, peraltro pure a termine, non sono sufficienti”. Ma, secondo il sindacato, sarebbe una prima risposta, in attesa dei 17 miliardi richiesti sempre dal presidente Anief, tra quelli che saranno assegnati all’Italia dal Recovery Found, da reinvestire subito in organici, assunzioni, risorse strumentali per migliorare la didattica, combattere la dispersione scolastica e valorizzare la professionalità di docenti, educatori e Ata col rinnovo del contratto. (Italpress)

Articoli correlati

Scuola: appalti pulizia prorogati a fine febbraio

Redazione

Anief: “Decreto 126/2019, i neo laureati possono fare supplenze”

Redazione

Ritorno a Scuola: le emergenze vanno superate, servono 20 miliardi e riforme. Sulla riapertura troppe incertezze va riattivata la medicina scolastica

Angelica Bianco

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni