venerdì, 1 Luglio, 2022
Società

Diritto autore: Mogol “Basta arricchire grandi piattaforme digitali”

“La sfida più grande è la tutela del diritto d’autore sul web perché le grandi piattaforme digitali che guadagnano miliardi non vogliono pagarlo”. Lo ha detto il presidente della Siae, Giulio Rapetti, in arte Mogol, presentando questa mattina a Roma l’annuario dello spettacolo 2018. “L’86 per cento degli italiani riconosce che si deve pagare il diritto d’autore – dice – Tutti i più grandi Paesi d’Europa sono favorevoli. Anche qui in Italia ci auguriamo che ci si convinca tutti che è necessario pagarlo, perché altrimenti ci sono ventimila persone che guadagnano meno di mille euro al mese che fanno cultura e che non potranno vivere. Sarebbe uno scandalo spaventoso”.

“Come possiamo accettare – ha proseguito Mogol – che non si paghi il diritto d’autore per far guadagnare gente già miliardaria? Vogliamo fare un incontro con tutti i partiti per parlare di questo e chiedere: perché no? E’ una risposta dovuta perché si rischia la morte della cultura. Ho sentito dire che con la cultura non si mangia. Ma questo lo puo’ dire solo chi non ha alcun tipo di cultura. Dobbiamo tenere duro e spiegare anche a coloro che sono perplessi che si deve pagare il diritto d’autore. Se c’è qualcuno che si rifiuta di accettarlo, spieghi perché, davanti a tutti”. (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

Cosa imparare dall’attacco alla SIAE

Ranieri Razzante*

Siae dona 100 mila euro per sostegno ad autori ucraini

Romeo De Angelis

Angelo Martinelli, giudici esclusivamente distinti

Antonella Sotira

Lascia un commento