lunedì, 20 Settembre, 2021
Attualità

La ripresa secondo Terra Viva Cisl

“Il mondo in cui viviamo sta cambiando. Cambia il nostro modo di vivere le relazioni, il lavoro, gli spazi, il tempo. Tutti stiamo affrontando queste giornate in un modo che nessuno avrebbe mai pensato potesse accadere. Nessuno di noi era preparato”. A parlare è Claudio Risso, Presidente nazionale di Terra Viva Cisl che sottolinea: “Cittadini, istituzioni, organismi di rappresentanza, mondo del lavoro stanno facendo uno sforzo encomiabile, cercando di affrontare questa crisi profonda, questa guerra contro un nemico invisibile. Stiamo tutti facendo esperienza della nostra fragilità, della precarietà. Ciascuno di noi, fa del suo meglio per reagire, per resistere, per trovare un senso a quanto stiamo vivendo”.

“Come associazione di rappresentanza, insieme al Sindacato, abbiamo affrontato questa emergenza al fianco dei nostri produttori, dei lavoratori e delle famiglie – continua – siamo stati intermediari, con il Governo, per la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro. Si è proceduto a chiudere le aziende in cui la produzione non è stata ritenuta indispensabile, cercando di tenere al sicuro dal contagio più lavoratori possibili”.

E ancora: “Il nostro comparto è quello che, considerato primario e indispensabile, ha proseguito l’attività produttiva, non senza fatiche, organizzative ed economiche.

Il flagello del covid-19 ha portato alla mancanza di circa 370 mila lavoratori stranieri che non hanno potuto raggiungere il nostro Paese, mettendo a rischio le raccolte stagionali e delle primizie. Oltre a questo problema, che stiamo affrontando con l’avvio di una cabina di regia trasversale, l’agricoltura ha dovuto affrontare le gelate di Marzo, dopo un inverno molto caldo, per non parlare delle eccedenze di alcuni prodotti, come il latte, dovute alla chiusura del sistema alberghiero e della ristorazione”.

A detta del presidente “nonostante questo, gli agricoltori sono stati protagonisti nel supportare la comunità, con donazioni di prodotti  e campagne di solidarietà partite spontaneamente in tutta Italia. Di questo, andiamo molto orgogliosi e ringraziamo i produttori agricoli e i coltivatori diretti della generosità.  Papa Francesco, durante l’omelia nella Messa del mercoledì delle ceneri, ci ha ricordato che “nessuno si salva da solo”. Ed è proprio così. Non sarà facile, la ripresa, ma bisogna già pensare al “dopo”.

A quello che verrà dopo questo periodo straordinario. Usciremo cambiati nel modo di produrre, di vendere e di consumare. Cambieremo nel modo di vivere, di relazionarci e nell’essere comunità. Avremo bisogno di ripensare i  modelli produttivi, innovando il pensiero del vecchio sistema capitalistico fondato sulla finanza e sul liberalismo senza regole. Dovremo lavorare per un’economia reale, sostenibile e più intrecciata alle filiere corte, alla qualità, all’innovazione”.

Sponsor

Articoli correlati

Da domani 5,7 milioni di studenti seguiranno le lezioni da casa

Redazione

Scuole chiuse per l’emergenza, arrivano i docenti digitali

Redazione

Il futuro ci appartiene

Vitaliano Gemelli

Lascia un commento