venerdì, 19 Luglio, 2024
Esteri

Apple entra nell’era dell’intelligenza artificiale alle sue condizioni

Nonostante la mistica che circonda Apple sin da quando Steve Jobs l’ha rilanciata, questa non è un’azienda che ama essere la prima a lanciarsi su tecnologie redditizie come l’intelligenza artificiale. Il mouse, l’interfaccia grafica, il potente laptop, il tablet touchscreen, il telefono touchscreen, il visore AR: Apple non ha inventato nessuna di queste tecnologie. Ha rischiato il fallimento ma è diventata un’azienda da trilioni di dollari perfezionando le innovazioni altrui. Non si preoccupa di compiacere Silicon Valley o Wall Street nel breve termine, ma punta a creare prodotti user-friendly e sicuri per l’utente medio. Questo porta ai profitti.

Apple Intelligence: facile e sicura

Così è stato con Apple Intelligence, il nome del suo prodotto AI annunciato al WWDC. Il nome non è solo un atto di vanità o un rebranding. È un segnale che Apple intende mantenere i suoi prodotti AI sicuri per gli utenti, utilizzando dati contestuali protetti. Per domande più complesse, Apple Intelligence si interfaccerà con ChatGPT senza condividere dati utente. Questo non piace a Wall Street. Le azioni Apple sono scese dopo il keynote ma la società non si preoccupa. Mentre altri CEO enfatizzano l’AI, Tim Cook ha parlato di sicurezza. Questo focus è stato così intenso che i giornalisti sono stati invitati a un secondo evento con Cook e Craig Federighi. Cook ha affermato che Apple utilizza AI e machine learning da anni e ha sottolineato l’importanza della privacy. “L’intelligenza artificiale per il resto di noi” è stato lo slogan di Federighi. Traduzione: le AI generative degli altri sono complicate e insicure. Questa è un’intelligenza artificiale sicura e facile per le masse. Sam Altman di OpenAI era presente ma non è salito sul palco.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

McDonald’s concluderà la sperimentazione del drive-through con l’Intelligenza Artificiale

Antonio Gesualdi

Scuola, in Italia il primo corso di Project Manager linguistico

Marco Santarelli

Elon Musk: “Prendiamoci una pausa sui sistemi di intelligenza artificiale”

Valerio Servillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.