martedì, 27 Febbraio, 2024
Esteri

I cartelli della droga messicani prendono di mira gli indiani d’America

Nella serata del 17 marzo 2020, un ex poliziotto messicano affiliato al cartello di Sinaloa ha compiuto un viaggio rischioso attraversando il confine degli Stati Uniti, portando con sé una notevole quantità di metanfetamina. Questo individuo, identificato come Ricardo Ramos Medina, ha suscitato l’attenzione delle autorità durante un viaggio che ha attraversato la California fino ad arrivare nel Montana. La sua odissea ha inizio a Tijuana, quando Medina lascia la sua camera d’albergo e si dirige verso l’aeroporto internazionale di San Diego per ritirare un’auto a noleggio. Successivamente, si incontra con una donna che gli consegna una considerevole quantità di metanfetamina, nascosta in un sacchetto della spesa. Dopo aver ottenuto la droga, Medina intraprende un lungo viaggio in auto, che lo porta attraverso il deserto e le montagne fino al Montana. Comunque, il viaggio non va come previsto per Medina. Prima di arrivare a destinazione, viene fermato dalle autorità statali e federali. All’interno della sua Jeep Compass bianca, vengono scoperte circa 2 libbre di metanfetamina pura, sufficienti, secondo le autorità, per rifornire l’intera città di Townsend, Montana, per diversi giorni. Questo arresto ha contribuito a fermare un giro di traffico di droga che ha portato una quantità significativa di sostanze stupefacenti nel Montana dal Messico in tre anni, secondo i pubblici ministeri federali.

Sempre il denaro

Chad Anderberg, agente della Divisione di Investigazione Criminale del Montana, che ha giocato un ruolo chiave nelle indagini su questo caso, ha spiegato che la ragione di questa situazione è il denaro. I membri dei cartelli possono ottenere profitti molto più elevati vendendo droghe in luoghi come il Montana rispetto ad altri centri urbani più vicini al confine. Le droghe illegali, in particolare il fentanil, stanno diventando una crescente preoccupazione nelle zone remote degli Stati Uniti, come il Montana. Qui, il prezzo delle pillole può essere fino a 20 volte più alto rispetto ai centri urbani vicini al confine, spingendo i membri dei cartelli a infiltrarsi in modo più aggressivo in queste aree. Le riserve indiane sono particolarmente vulnerabili, con i leader tribali che segnalano un aumento della criminalità e delle overdose. I trafficanti spesso cercano di infiltrarsi nelle comunità indigene, utilizzando varie tattiche, comprese le relazioni con donne indigene, per vendere droghe.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Un decalogo per le lobby

Giuseppe Mazzei

Le carriere dei nostri giudicanti

Federico Tedeschini

L’asse Russia-Cina sveglia le democrazie dal torpore

Christopher Turner e Sonya Seunghye Lim

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.