sabato, 25 Maggio, 2024
Società

Prosegue la scia di femminicidi. Commissione d’inchiesta al lavoro

Uccide la compagna in casa e poi si toglie la vita impiccandosi. È successo ieri a Montalbiano, frazione del Comune di Valfloriana, in Trentino, mentre nella notte tra il 29 e il 30 dicembre scorso una donna è stata accoltellata 12 volte dall’ex compagno a bordo di un bus di linea a Milano. Non ce l’ha fatta anche Elisa Scavone, accoltellata dal marito cinque giorni fa. Con lei la triste conta di femminicidi è già arrivata a 5 in soli 12 giorni del 2024.

Prosegue, dunque, la interminabile scia di femminicidi. “Nessuno si era illuso – ha commentato la senatrice Daniela Sbrollini, capogruppo IV nella Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere – che gli interventi legislativi e i riflettori accesi dopo l’uccisione di Giulia Cecchettin avrebbero portato rapidamente a una soluzione: è un fenomeno complesso che richiede tempi lunghi e impegno costante delle istituzioni”. Per questo anche ieri la Commissione ha ascoltato le associazioni che si occupano in tutto il territorio nazionale dei centri antiviolenza.

In particolare, la “Comunità Papa Giovanni XXIII”, fondata nel 1968 e presente in 43 Paesi dei cinque continenti con oltre 500 centri in tutto il mondo, ha, tra l’altro, suggerito che per combattere i femminicidi bisogna rendere punibile la prostituzione. “Devono essere potenziate le case rifugio e ci deve essere un reddito di libertà fino alla reale autonomia delle donne – ha dichiarato in audizione -. Vanno inoltre riviste le norme penali che puniscono l’aborto privo di consenso”. Tesi che ha trovato il favore della senatrice Alessandra Maiorino (M5S), membro della Commissione d’inchiesta: “È irrilevante se la prostituzione sia volontaria o meno, acquistare un corpo è qualcosa che non è accettabile da un punto di vista etico e del diritto umano”.

Il caso dell’omicidio-suicidio del Trentino ha suscitato molti commenti, forse perché l’ultimo di una serie ormai troppo lunga. Per il ministro dell’Interno “più che nuove norme, dobbiamo fare una riflessione comune su quelle che possono essere tutte le iniziative di carattere educativo e culturale per prevenire in qualche modo la commissione di questi orribili reati”. Piantedosi, a margine di un convegno a Napoli, ha sottolineato che “è già molto attiva un’organizzazione tesa anche a creare delle formule di supporto, non solo risarcitore”, ma “evidentemente non basta. Si può e si deve fare di più” in termini di prevenzione. “Cosa scatti nella mente di chi compie tali gesti doppiamente ‘malati’ non è facile stabilirlo – ha spiegato il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologi (Cnop), David Lazzari -, perché i motivi non sono sempre gli stessi. Un elemento che ricorre spesso è la difficoltà per alcuni uomini di accettare la fine di una relazione sentimentale. Veder naufragare il proprio matrimonio, perché la moglie vuole la separazione, è destabilizzante per certi uomini che non accettano l’abbandono. La fine di una storia significa dover andare avanti con le proprie gambe e le proprie forze. Ma rimettersi in discussione per molti è inconcepibile”. Un rapporto sano, ha aggiunto il presidente del Cnop, “deve essere di pari dignità e di pari supporto”. Se invece “viene vissuto dal compagno/marito come di totale dipendenza dalla propria partner, perché si attribuisce alla compagna/moglie un ruolo genitoriale, allora non è più un rapporto sano, perché il coniuge è un partner, un compagno di strada, non un genitore”.

 

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Da Monreale al Vaticano per implorare la pace

Nicolò Mannino

L’allarmismo mediatico

Tommaso Marvasi

Migranti, il Papa ringrazia le Ong: “Chi impedisce i salvataggi odia”

Cristina Gambini

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.