giovedì, 22 Febbraio, 2024
Esteri

Un ‘falso elettore’ del Nevada avvia progetto per proteggere la Costituzione americana

Un veterano dell’aeronautica militare in pensione ha lanciato un nuovo progetto con lo scopo di tutelare la Costituzione, educare i funzionari pubblici e ispirare l’attivismo in tutto il Paese. Tuttavia, c’è un problema: il veterano è accusato, con molti altri, di aver attentato di sovvertire il risultato elettorale del 2020. Il cinquantasettenne Shawn Meehan era un “falso elettore” del Nevada. Nel 2020, insieme ad altri cinque repubblicani, ha firmato documenti che, secondo le autorità, miravano a interferire con la legittima vittoria elettorale di Joe Biden. Almeno due elettori pro-Trump del Nevada hanno testimoniato davanti a un gran giurì speciale a Washington. Meehan, che ha assunto un avvocato, non ha voluto dire se è stato citato in giudizio per testimoniare. Ora fa parte del Comitato centrale repubblicano del Nevada e di un comitato GOP della contea di Douglas. Ha dichiarato di aver avviato un progetto il cui obiettivo è educare il pubblico sulla Costituzione e motivare i cittadini a impegnarsi con i funzionari locali. L’obiettivo finale, ha affermato Meehan, è quello di spingere i funzionari eletti a votare in modo costituzionalmente corretto. Meehan ha affermato che l’obiettivo è educare il pubblico ad avvicinarsi ai propri rappresentanti non in modo offensivo, ma pacato. Il sito web mescolerà lezioni costituzionali a discussioni sugli eventi attuali legati alle questioni costituzionali. Il sito www.guardtheconstitution.com sarà online questa settimana. Su come abbia conciliato le accuse contro i falsi elettori con la natura costituzionale della sua impresa, Meehan ha risposto: “Non posso rispondere a queste accuse. Ho parlato con l’avvocato e semplicemente non ho intenzione di affrontare ulteriormente questa parte della questione”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Putin isolato terrorizza il mondo

Giuseppe Mazzei

Una vera politica estera? Forse stavolta ci siamo

Giuseppe Mazzei

Il colpo di stato in Myanmar preoccupa la democrazia europea e mondiale

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.