mercoledì, 22 Settembre, 2021
Società

Benigni: sul Cantico dei Cantici, non ci siamo!

L’altra sera, nel seguire la celeberrima gara canora di Sanremo, devo confessare di essere rimasto contrariato dalla interpretazione di Roberto Benigni sul “Cantico dei Cantici”. Devo dire che ho avuto sempre apprezzamento e simpatia per Benigni, capace di esprimere una forza artistica particolarissima ed originalissima a confronto di tanta banalità in circolazione; anche se talvolta forzatamente di parte, e tendente ad essere un “conformista dell’anticonformismo”: quell’impronta che si intende dare, con valutazioni sulle vicende della vita sociale, che nei paesi anglosassoni definirebbero di ‘politically correct’.

La mia perplessità certamente non riguarda la bellezza stra-dichiarata dall’artista dei testi del Cantico dei Cantici contenuti dalla Bibbia attribuito a Salomone; ma la sua insistenza troppo allusiva, alla presunta manipolazione del testo originario, per pretesa pruriginosa avversione della Chiesa Cattolica verso questi testi a contenuto erotico-sessuale. Devo dire a questo punto, che solo chi è lontano dagli ambienti cattolici, può dare giudizi così presuntuosi e lontani dalla realtà. In verità il Canto dei Cantici, è tra i passi più apprezzati dei testi sacri, proprio perché capaci di descrivere con delicatezza e purezza, l’incontro sessuale tra due sposi, che attraverso il loro amore generano la vita, in grado di perpetuare il creato e di giustificare la esistenza di un uomo e di una donna: dunque erotismo e sessualità che proviene dal divino.

A Benigni, allora, mi sento di dire: la prossima volta, prima di cimentarsi con esegesi così impegnative, si faccia aiutare nella “scrutatio” dei testi sacri (l’approfondimento dei singoli passi della Parola e la sua correlazione con altri passi), così eviterà di apparire anche agli occhi di chi l’apprezza, di voler essere a tutti i costi, un conformista dell’anticonformismo.

Sponsor

Articoli correlati

Simest rafforza il supporto all’export italiano

Redazione

Corte dei Conti: controlli sui beni confiscati

c. a.

Leone d’oro alla carriera a Benigni. Zaia, “Un percorso artistico indiscutibile dagli esordi alla riflessione cinematografica sulla tragedia dell’olocausto”

Barbara Braghin

Lascia un commento