domenica, 14 Aprile, 2024
Esteri

I repubblicani chiedono informazioni ai servizi segreti sulla cocaina trovata alla Casa Bianca

Il presidente del comitato di supervisione della Camera, James Comer, ha richiesto un briefing dei servizi segreti sulla recente scoperta di un sacchetto di cocaina alla Casa Bianca. In una lettera al direttore dei servizi segreti, Kimberly Cheatle, Comer, R-Ky., ha affermato di volere un briefing a livello di personale entro la fine della prossima settimana mentre il suo comitato cerca maggiori dettagli sulla cocaina trovata in una parte altamente trafficata dell’ala ovest domenica, provocando una breve evacuazione. “Questo sviluppo allarmante richiede che il Comitato valuti le pratiche di sicurezza della Casa Bianca e determini quali fallimenti hanno portato all’evacuazione dell’edificio e al ritrovamento della sostanza illegale – ha scritto Comer – La presenza di droghe illegali alla Casa Bianca è inaccettabile e rappresenta un momento vergognoso nella storia della Casa Bianca”. In una dichiarazione di accompagnamento, Comer ha affermato che l’incidente “e l’eventuale evacuazione del personale ora solleva chiaramente preoccupazioni sul livello di sicurezza mantenuto alla Casa Bianca”. I servizi segreti non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento sulla lettera di Comer. Il presidente Joe Biden e la sua famiglia erano al ritiro presidenziale a Camp David, nel Maryland, quando la cocaina è stata scoperta. Mentre i rapporti precedenti indicavano che la polvere era stata trovata nell’atrio formale dell’ala ovest, diversi funzionari coinvolti nell’inchiesta hanno detto giovedì che era stata scoperta in un ripostiglio vicino all’ingresso del West Executive della Casa Bianca. Due fonti a conoscenza delle indagini hanno affermato giovedì che i servizi segreti dovrebbero completare le indagini entro lunedì, prima della tempistica iniziale. Un funzionario a conoscenza delle indagini ha dichiarato che l’agenzia consulterà le telecamere e i registri di ingresso e esaminerà la piccola borsa con cerniera contenente la cocaina per il DNA, le impronte digitali e un’analisi chimica completa presso un laboratorio federale. I funzionari hanno avvertito che potrebbe non essere possibile identificare il colpevole se non viene trovato materiale forense identificabile. “Se il complesso della Casa Bianca non è sicuro, il Congresso deve conoscere i dettagli, così come il tuo piano per correggere eventuali falle di sicurezza” ha affermato Il senatore Tom Cotton, R-Ark in una lettera, chiedendo risposte entro il 14 luglio.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Allarme dalla Casa Bianca: 50 dipendenti del governo degli Stati Uniti colpiti da spyware

Federico Tremarco

Ex assistente di Trump chiede al giudice di archiviare la causa di Hunter Biden legata al laptop

Francesco Gentile

Netanyahu, un “nemico” in casa

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.