martedì, 23 Aprile, 2024
Regioni

Filiera agroalimentare e sostenibilità, al via in Sicilia “FreeCO2”

PALERMO (ITALPRESS) – Creare una piattaforma che consenta ai produttori dell'agroalimentare di monitorare l'abbattimento della Co2, dai campi allo scaffale, adottando sistemi di sensoristica, robotica, intelligenza artificiale, machine learning e blockchain. E' l'obiettivo del progetto "FreeCO2", frutto del protocollo d'intesa siglato tra TopNetwork e Università di Palermo, approvato e cofinanziato dal Mise, nell'ambito dei fondi Pnrr. Alla redazione del progetto, il cui costo complessivo è pari a circa 7,5 milioni di euro, hanno partecipato 4 dipartimenti dell'ateneo palermitano: Ingegneria; Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali; Economia; Matematica-Informatica. "Il singolo imprenditore deve vedere il mondo universitario non come lontano ma come un mondo da cui prendere le informazioni che diventano poi di uso quotidiano – dice all'Italpress il rettore dell'Università di Palermo, Massimo Midiri -. Questo progetto deve essere utilizzabile sia per il piccolo imprenditore, che intende essere classificato come green, sia la grandissima azienda: cominciamo a immaginare sistemi che hanno una scala molto ampia e un'applicabilità molto versatile. Tutte le azioni degli Enti che si devono parlare tra di loro devono essere orientate a un futuro sostenibile: se non facciamo oggi degli interventi a tutto tondo rischiamo tra 50 anni di non poter più recuperare una situazione che oggi è già molto complicata". "E' un sistema oggettivamente ecosostenibile, lo è anche per le piccole aziende – assicura all'Italpress Franco Celletti, amministratore delegato di TopNetwork -. Un sistema particolarmente diffuso e capillare: ogni azienda, anche la più piccola, avrà la possibilità di sostenere dei costi. La logica è quella di provare a ridurre in ogni singola fase la creazione di anidride carbonica da quando iniziamo a coltivare il prodotto a quando viene distribuito". Per FreeCO2 sono stati coinvolti Tasca d'Almerita, per la produzione del vino, e CoMediterraneo per la distribuzione a scaffale. Paolo Inglese, professore di Scienze Agrarie all'Università di Palermo, è il responsabile scientifico del progetto. "Il tema della sostenibilità dell'impresa agricola – sottolinea – è fondamentale per l'impresa in sè, perchè significa anche risparmi pratici, e per il consumatore. Il progetto consentirà alla fine di fare il bilancio del carbonio, che serve all'azienda per capire se la quantità di input e output produce sono in equilibrio: in sintesi, serve per capire se segue una linea capace di mantenere alta la fertilità del suolo e la sostenibilità integrale dell'azienda". "Abbiamo l'ambizione di procedere con una serie di azioni sul campo, e quindi di ricerca applicata, per trovare soluzioni che possano migliorare quella che è l'attività di gestione del territorio, nello specifico, la filiera dell'agroalimentare – dice Marcantonio Ruisi, professore dell'Ateneo palermitano e Delegato ai rapporti con le imprese -. L'obiettivo è utilizzare questo come progetto-pilota per replicare i risultati e metterli a disposizione del tessuto imprenditoriale locale, affinchè diventi un punto di riferimento per altre aziende". – foto Italpress- (ITALPRESS). fsc/mgg/red 05-Lug-23 18:13

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Parchi naturali della Sardegna, ddl approvato dalla giunta

Redazione

Effetto pandemia. Bollo auto, le Regioni aggiornano e fanno slittare le date di pagamento. Possibile ottenere il Cashback 

Giovanna M. Piccinino

Shoah, Liliana Segre al Memoriale “Qui torno alla deportazione”

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.