sabato, 15 Giugno, 2024
News Italpress

Piantedosi “Nessuna criminalizzazione del fenomeno migratorio”

ROMA (ITALPRESS) – "I Cpr sono fortemente voluti da direttive europee e raccomandati dall'UE", da parte del governo "non c'è una criminalizzazione" del fenomeno migratorio. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, a "Piazzapulita", in onda questa sera su La7, commentando le immagini girate all'interno di alcuni Cpr. "C'è la presa di consapevolezza che un Paese come l'Italia, con una presenza così importante di persone che sono in una condizione di irregolarità", debba avere "una politica per rafforzare il sistema di efficacia delle espulsioni e dei rimpatri". Non averla "sarebbe omissivo". All'interno dei Centri di Permanenza per i Rimpatri "posso garantire che tutte le prestazioni sanitarie sono nella normalità, garantite, monitorate e controllate", ha assicurato Piantedosi, commentando le immagini girate all'interno di alcuni Cpr. "Sono immagini sicuramente non belle, ma non vanno decontestualizzate. Riguardavano un intervento resosi necessario per il comportamento assunto dagli ospiti: c'era stato un intervento per sedare un incendio, dei danneggiamenti, e quindi si era reso necessario frapporre la forza pubblica", sottolinea. Forse bisogna fare qualche controllo in più? "Probabile, possibile: adesso ci stiamo attrezzando. Abbiamo voluto prevedere anche la possibilità, laddove la gestione in concessione affidata a un privato si rivelasse non soddisfacente, la possibilità di assumere i Cpr in gestione diretta dello Stato, con una funzione commissariale". – foto agenziafotogramma.it – (ITALPRESS). xi2/fsc/red 25-Mag-23 23:02

Condividi questo articolo:
Sponsor

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.