martedì, 5 Marzo, 2024
Esteri

Texas: alleva per 20 anni un alligatore

Una donna che vive nella contea di Caldwell in Texas ha allevato un alligatore per oltre 20 anni, crescendolo nel cortile di casa come se fosse un normale animale domestico. La protagonista della vicenda, una ex volontaria del “Texas Parks and Wildlife”, sarebbe entrata in possesso del grosso rettile quando era ancora all’interno dell’uovo per poi crescerlo alla pari di un cane o un gatto qualsiasi, come spiegato dalla diretta interessata alle autorità locali.

Il coccodrillo femmina di nome “Tewa” sembrerebbe non aver mai dato problemi alla proprietaria che lo ha tenuto con sé per ben due decenni, crescendo l’animale da lucertolina ad esemplare lungo oltre due metri e mezzo. Tewa è stata scoperta casualmente, quando un guardiacaccia dello zoo, indagando su un incidente di caccia non correlato al rettile, fermatosi davanti alla proprietà dell’ex volontaria e invitato dalla donna ad entrare nel cortile si è accorto dell’enorme esemplare incatenato.

Quindi il guardiacaccia ha allertato le autorità locali che hanno disposto l’immediato trasferimento del coccodrillo presso il “Texas Game Wardens”. Il guardiacaccia Jen Shugert ha dichiarato al notiziario “Insider”: “C’era una piccola pozza d’acqua in cui l’alligatore poteva immergersi completamente e muoversi, ma che era comunque troppo stretto per lei”.

Dalle successive indagini locali è emerso che la donna aveva sottratto un uovo di alligatore venti anni prima, quando era volontaria presso “The Animal World and Snake Farm Zoo”. Il bioparco che oggi custodisce Tewa ha pubblicato anche un filmato in cui viene mostrato l’arrivo in struttura dove potrà vivere tranquilla insieme ad altri esemplari della sua specie, aggiungendo che si è adattata bene.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Alligatore di tredici piedi avvistato con resti umani in bocca in un canale della Florida

Francesco Gentile

Gruppi di colore a Dallas rivendicano la loro appartenenza alla storia della prateria americana

Cristina Gambini

I primi soccorritori in una città del Texas lottano per affrontare il trauma del recupero dei corpi dal Rio Grande

Valerio Servillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.