giovedì, 25 Luglio, 2024
Esteri

Industria tecnologica incolpata per il fallimento di Silicon Valley Bank

L’industria tecnologica ha ottenuto ciò che voleva nel momento in cui il governo federale ha assicurato che i depositanti della Silicon Valley Bank avrebbero recuperato tutti i loro fondi. Gli addetti del settore tecnologico stanno scoprendo il prezzo che il settore dovrà pagare in cambio, tra cui reputazione danneggiata, rabbia e orgoglio ferito. Dipendenti, dirigenti di startup e ricchi investitori si stanno preparando a una possibile resa dei conti dopo che l’amministrazione Biden ha garantito che i depositanti SVB sarebbero stati in grado di accedere a tutti i loro fondi anche oltre l’importo garantito dalla Federal Deposit Insurance Corp. di 250.000 dollari. La necessità dell’azione del governo è la goccia per un settore la cui reputazione ha subito ripetuti colpi negli ultimi anni, andando contro l’etica antigovernativa e l’anti-regolamentazione che molti investitori tecnologici hanno predicato. I venture capitalist miliardari come Peter Thiel sono stati accusati di aver accelerato la crisi consigliando alle startup la scorsa settimana di prelevare denaro dalla banca, mentre altre figure simili sono state accusate di ipocrisia per essersi opposte all’azione del governo per conto di altri e quindi per aver chiesto aiuto rapido per se stesse. Margaret O’Mara, storica dell’industria tecnologica e professoressa all’Università di Washington, ha affermato che dopo anni di controllo da parte di politici e regolatori, molte persone nella Silicon Valley pensavano che fosse loro dovuto un salvataggio. Le possibili ricadute potrebbero includere nuove normative, azioni collettive e ulteriori danni per il settore, il tutto in aggiunta ai massicci licenziamenti delle aziende tecnologiche . David Sacks, un investitore e critico frequente dell’amministrazione Biden che era tra le voci più rumorose online che chiedevano aiuto per l’industria tecnologica , si è difeso questa settimana, dicendo che stava reagendo a una crisi solo dopo che era iniziata. Ha attribuito la crisi alla cattiva gestione della banca e all’aumento dei tassi di interesse. Mentre altre banche regionali stanno ricevendo controlli, SVB era per certi versi particolarmente vulnerabile . Fondata nel 1983 nel nord della California, la banca era strettamente legata a un settore volatile e deteneva liquidità operativa per molte startup non testate. Una quota insolitamente elevata dei suoi depositi non era assicurata dalle autorità di regolamentazione federali: circa l’89% a dicembre . Sia gli investitori che le piccole imprese si sono schierati in difesa della banca durante il fine settimana, scrivendo lettere e firmando petizioni al Congresso, ma non sono stati in grado di evitare il crollo.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Anie: industria tecnologica traino per economia del Paese

Redazione

Il crollo della Silicon Valley Bank nasce da una legge di deregolamentazione bancaria del 2018

Valerio Servillo

Il 2022 anno record per l’industria tecnologica europea

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.