venerdì, 19 Aprile, 2024
Agroalimentare

Giansanti (Confagricoltura): tecnologia e qualità il futuro delle imprese agricole

L’agricoltura ha bisogno della tecnologia e le associazioni di categoria sono pronte. “Vogliamo che le nuove tecnologie applicate all’agricoltura diventino realtà”, sottolinea Confagricoltura, “Quando si parla di scienza e ricerca nel nostro settore, non ci tiriamo indietro, anzi. Tanto che nello statuto della nostra Organizzazione ho fatto inserire che Confagricoltura crede nella scienza e nella ricerca. Ciò significa che vogliamo che le nuove tecnologie vengano adottate per l’agricoltura”. Le proposte arrivano dal presidente Massimiliano Giansanti in occasione della presentazione del Position Paper: “Nuove tecniche genomiche genome editing e cisgenesi” organizzato oggi dal Crea e dal Cl.uster A.grifood N.azionale Cl.a.n. nella Sala Emeroteca al Collegio Romano.

Sperimentare e migliorare

La questione, per il presidente di Confagricoltura, si riassume semplicemente con una scelta che permetta di decidere chi rappresentiamo e quale agricoltura vogliamo. “Altrimenti”, avverte, “continueremo a rimanere nello status quo che stiamo vivendo”.  A proposito del contributo della genetica vegetale avanzata per un’agricoltura produttiva, sostenibile e competitiva, per Giansanti “occorre sperimentare e utilizzare tutti i frutti della scienza e della ricerca, così da mettere in grado i nostri agricoltori di produrre di più al costo minore e competere sui mercati”.

Dalla autosufficienza ai limiti

“Nel 2000”, ricorda il presidente dell’Organizzazione degli imprenditori agricoli, “l’Italia per il mais era autosufficiente al 97%, mentre ora solo al 42%, per la soia eravamo al 56% ora ci limitiamo a produrre il 32%. Non è certamente un caso che proprio per questi due prodotti si risenta degli effetti della mancanza, sul campo, di scienza e ricerca, mentre quelle colture che ne subiscono un impatto minore, hanno sostanzialmente mantenuto le quote di mercato. Il Sud America è leader per le proteine animali e vegetali, un primato che non si scalfisce con norme di etichettatura o barriere non tariffarie”.

Servono interventi giusti

“Produttività e competitività”, conclude Giansanti, “devono essere alla base di qualsiasi scelta associativa, del legislatore e del Governo. Sono sotto gli occhi di tutti i problemi causati dai cambiamenti climatici e dalle fitopatie a tutte le nostre colture, a partire da mais e soia. Quando ci ammaliamo ci curiamo, così dovrebbe avvenire per le piante”, fa presente il leader di Confagricoltura, “Servono entrambi i percorsi, nazionale e comunitario, per permettere a tutti gli agricoltori di utilizzare la sperimentazione in campo delle TeA, Tecnologie di evoluzione assistita”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Imprese in difficoltà. Coldiretti: in fumo 9 mld. Bene gli incentivi

Leonzia Gaina

Multietnicità. Crescono immigrati inattivi e sbarchi. Ridotti i permessi di soggiorno, balzo delle richieste d’asilo

Marco Santarelli

Confagricoltura chiede più chiarezza su etichettatura alimenti

Angelica Bianco

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.