sabato, 18 Settembre, 2021
Società

Cri e “Salvamamme” per i bambini disagiati

Cresce l’attesa per la Befana della solidarietà, organizzata dalla Croce Rossa Italiana di Roma e dall’associazione “Salvamamme”. L’appuntamento, come da tradizione, è per domani 4 gennaio alle 10.30 per una festa per cento bimbi con famiglie in difficoltà. A loro arriveranno gli auguri di Buona Epifania formulati dalla presidente di Cri Roma, Debora Diodati, e da Maria Grazia Passeri, presidente di “Salvamamme”.

L’evento si svolgerà presso la sede di Croce Rossa Italiana, nel cortile di via Ramazzini 15, sotto la palazzina, dove è ospitata la sede di “Salvamamme”.

Calzette della Befana, giocattoli, regali e tanti dolcetti per le famiglie arrivate per festeggiare. La Befana in carne e ossa non mancherà a questo fondamentale appuntamento, atteso con emozione ogni anno: concorreranno al miglior esito dell’evento gli chef  Dario Saltarelli, che donerà a ogni piccolo un panettoncino gourmet, e Bruno Brunori, responsabile eventi della Federcuochi Lazio, con uno dei suoi deliziosi primi piatti.

Durante l’evento i bambini smonteranno un grande albero di libri predisposto dai volontari e ne sceglieranno uno da leggere seguendo liberamente la propria ispirazione. Per Debora Diodati si tratta di “una festa che tutti i bambini attendono da tempo e a cui noi di Croce Rossa vogliamo aggiungere un significato in più stando vicini a tante famiglie che vivono situazioni difficili ma che non devono sentirsi sole”. “A tanti genitori che attraversano un periodo difficile fa molto bene essere sottratti all’isolamento sociale proprio quando arrivano le festività di fine anno” – ribadisce Maria Grazia Passeri. La giornata proseguirà con tanto divertimento per tutti presso le piste di ghiaccio di “Icepark Auditorium” di via De Coubertin e di altre location, offerte come sempre generosamente dall’imprenditore Andrea De Angelis, che accoglierà tanti bimbi accompagnati da “Guido Aggiustagiocattoli”.

Sponsor

Articoli correlati

Dignità sul lavoro. Il Parlamento dia l’esempio

Giuseppe Mazzei

Emergenza Coronavirus. Sindacato dei medici: la sanità torni allo Stato. Regioni totalmente impreparate

Giampiero Catone

No a Immuni, sì a FaceApp: le due facce della stessa privacy

Alessandro Alongi

Lascia un commento