sabato, 20 Aprile, 2024
Esteri

In Iran cento persone a rischio pena capitale

Oltre cento iraniani rischiano in questi giorni la pena capitale e molti di loro sono giovanissimi o addirittura minorenni. Molte famiglie non hanno avuto il coraggio di confermare la presenza dei propri cari tra i detenuti a rischio, ma quelli che affronteranno la condanna a morte sono almeno 43. Tra loro due fratelli di 23 e 24 anni, Farzad e Farhad Tahazade, la cui madre ha diffuso un video per chiedere il loro rilascio, un gesto non privo di rischi per lei stessa.

Nel solo tribunale regionale del Khuzestan 23 persone sono state accusate di reati punibili con la morte. A Karaj, vicino a Teheran, si è scoperto che altri cinque iraniani rischiano l’esecuzione. Tra loro c’è il ventunenne campione curdo-iraniano di karate Mohammad Mehdi Karami. La sua famiglia ha lanciato un appello per la sua liberazione, denunciando che è stato anche torturato in prigione. Un altro detenuto, il rapper curdo-iraniano di 27 anni Saman Yasin, ha tentato il suicidio in carcere.

La Corte suprema dell’Iran ha intanto respinto il ricorso di Mohammad Ghobadlou, confermando la sua condanna a morte e autorizzando quindi la sua esecuzione. “Il ricorso è stato respinto dalla Corte suprema e non ci sarà nessun secondo processo contro di lui. La sua sentenza verrà perciò eseguita”, fa sapere l’alto tribunale. È stato invece accolto il ricorso del rapper curdo Yassin (Saman Seyyedi), e pertanto sarà processato di nuovo, fa sapere la Corte suprema di Teheran.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Aia: Israele respinge l’accusa di genocidio. L’Iran sequestra nave Usa

Antonio Gesualdi

In Iran 14 mila arresti durante le proteste

Gianmarco Catone

Dalla Ue sanzioni dure contro l’Iran

Emanuela Antonacci

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.