mercoledì, 7 Dicembre, 2022
Esteri

Preoccupazione tra gli alleati di Putin per la mobilitazione

La presidente del senato russo, Valentina Matviyenko, si è detta preoccupata per il modo in cui si sta svolgendo la campagna di mobilitazione nel Paese.

“Tali eccessi sono assolutamente inaccettabili. E ritengo assolutamente giusto che stiano scatenando una forte reazione nella società”, ha dichiarato la presidente. “Bisogna assicurarsi che l’attuazione della mobilitazione parziale avvenga nel pieno e assoluto rispetto dei criteri delineati. Senza un solo errore”, ha aggiunto.

Vyacheslav Volodin, un altro alleato di Putin e presidente della Duma, la camera bassa della Russia, ha espresso le sue opinioni in un post separato: “Si stanno ricevendo reclami”, ha detto. “Se viene commesso un errore, è necessario correggerlo. Le autorità di ogni livello dovrebbero comprendere le proprie responsabilità”.

Dal 28 settembre agli uomini in età di mobilitazione nella Federazione Russa sarà vietato lasciare il Paese. Per attraversare il confine dovranno ottenere un permesso dal Commissariato militare, una sorta di visto di uscita. Il 21 settembre Vladimir Putin ha annunciato la mobilitazione parziale. Il ministro della Difesa Sergy Shoigu ha dichiarato che circa 300.000 persone saranno mobilitate.

Sponsor

Articoli correlati

Berlusconi vede Putin “Superare ingiuste sanzioni”

Redazione

La guerra riapre il dialogo tra Usa e Cina. Ue: nuove sanzioni. Ancora bombe sui civili

Giuseppe Mazzei

Sanzioni arma spuntata contro Putin?

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.